Dani Faiv, Gameboy Color: testo e video

Su una base creata da Tha Supreme con suoni del Gameboy, il nuovo talento di Machete Empire Records esce con il nuovo singolo

Gameboy Color è il nuovo pezzo di Dani Faiv. Dopo i consensi di critica e pubblico ricevuti con l’album di esordio, The Waiter, uscito lo scorso maggio, il talento di Machete Empire Records per tre mesi si è diviso tra casa e studio concentrandosi sulla musica e ora si rifà vivo con questo brano che segna una svolta a livello musicale e di immagine e immaginario. Non a caso il producer è tha Supreme, talento classe 2001 che ha usato proprio i suoni del Gameboy per realizzare la base del pezzo. Dani Faiv pochi mesi fa è rimasto colpito dal lavoro di tha supreme e lo ha contattato per collaborare: Gameboy Color è il primo frutto di questo connubio ed è una versione originale della trap, con atmosfere completamente in controtendenza rispetto ai canoni di questo stile.

Gameboy Color è la prima anticipazione di un nuovo progetto di Dani Faiv targato Machete Empire Records. Il video è diretto da Greezweed e Andrea Folino.

Dani Faiv, Gameboy Color: testo completo

Più guardo il mondo
Più vedo che sorride

A scuola l’ora di ginnastica, la mia mate-ria
Che tanto se mi apri il cervello non trovi mate-ria (grigia)
Però ho una memoria di ferro, non finisco i Tera (o i Giga)
Ma metterò il naso a terra
Se la chiamo fa ancora “tu tu”
Incatenato nella libertà
Quindi vedo ancora cose blu
Perché mi piace provare ogni cosa
Uso per le canne quelle Winston Blue
Le sigarette noi non le fumiamo
Lei fa un lago, devo fare sub
Faccio un corso accelerato
Dani, prove e prove
Stato non mi vuol
Tu vuoi peace and love
Lei solo il pisellone
Game Boy Color, la mia treccina
Dai massaggi non ne voglio una
Voglio il lettino, intorno tre china
Rallentato, sembra ketamina

C’era una volta una palma
Che venne fumata da tutti
Poi dopo la calma
Ci si voleva bene tutti
L’odore è una manna
Ma non so se ce n’è per te
No, ma non so se ce n’è per te

Amarla ci fa
Star bene coi fra’
Giriamo in città
Fancul0 la finanza

Brother, sono qui
Dani Cannelunghe, così mi chiamo
Se vuoi paga il feat
E capirai che niente è gratis, mai (ye)
Io non faccio come te (ye)
La mia tipa suona, ate-lier
Amico nero, sembra Jäger
Mai sobri, mai player
Soldi in tasca mai tenere
La poesia nelle tenebre
Queste tipe non son tenere
Volan via, sono cenere

C’era una volta una palma
Che venne fumata da tutti
Poi dopo la calma
Ci si voleva bene tutti
L’odore è una manna
Ma non so se ce n’è per te
No, ma non so se ce n’è per te

Amarla ci fa
Star bene coi fra’
Giriamo in città
Fancul0 la finanza
Amarla ci fa
Star bene coi fra’
Giriamo in città
Fancul0 la finanza