Britney Spears nei concerti live: “C’è un mix della mia voce e di playback, nessuno mi dà credito”

Britney Spears non ci sta e assicura: canta anche dal vivo (insieme al playback).

La domanda è stata finalmente fatta. Britney Spears, di fronte ad un giornalista, si è sentita chiedere quanto, nei suoi show, ci sia voce live e non puro e semplice playback. E la risposta della popstar ha sorpreso molti:

“Sono contento che tu mi stia facendo questa domanda perché è veramente divertente. Molte persone pensano che io non canti dal vivo… perché ballo tanto e ho un po’ di playback, ma c’è un mix della mia voce e della riproduzione di base. Mi pesa veramente perché porto il mio cul0 là fuori e canto allo stesso tempo ma nessuno mi dà mai credito per questa cosa”

Qui sotto il passaggio dell’intervista radio con la risposta di Britney Spears.

Nei mesi scorsi, le polemiche erano nate anche in occasione della residenza di Britney a Las Vegas, come vi ricordiamo e riportiamo qui sotto:

Il Los Angeles Times ha riportato proprio come la maggior parte del primo show del Piece Of Me di Las Vegas, già al centro delle polemiche prima dell’inizio per colpa proprio del playback annunciato e della brevità dello spettacolo (un’ora e mezza a malapena), si sia svolto proprio con un uso esagerato del lip-syncing.

La cantante ha dato l’impressione di usare il playback per la maggior parte della sua performance. E’ stato utilizzato molto in numeri ad altissimo carico energetico come Womanizer, ma anche per ballad più lente e tranquille come Perfume, durante la quale Britney ha addirittura preso una sedia sul palco.

Ancora più pesante Mike Prewatt del Las Vegas Weekly, che in un Tweet ha criticato aspramente la cantante e la scelta del lip-syncing:

Britney Spears potrebbe essere l’unica cantante “dal vivo” con la sfacciataggine di cantare in playback su un brano dove ha già utilizzato l’AutoTune.

I Video di Soundsblog