Gene Simmons vuole mettere il copyright sul gesto delle corna

Il bassista/affarista dei Kiss vuole registrare il brevetto per “un gesto della mano con l’indice ed il mignolo estesi verso l’alto, ed il pollice esteso perpendicolarmente”…

Gene Simmons, il bassista/affarista dei Kiss, vuole registrare a suo nome il copyright sul gesto delle “devil horns”, le corna che mostrano rispetto ed eccitazione per ogni appassionato di rock.

Sembra uno scherzo, ma c’è una registrazione ufficiale datata 13 Giugno, sul sito governativo dei brevetti americani: cliccate qui per leggere tutti i dettagli tecnici della proposta firmata da Gene Simmons, corredata però da un gesto delle corna “sbagliato”, ovvero quello che prevede anche il pollice. Il segno, nella richiesta di brevetto, viene infatti registrato come “gesto della mano con l’indice ed il mignolo estesi verso l’alto, ed il pollice esteso perpendicolarmente”.

rock-hand-gene-simmons.png

Gene Simmons vuole registrare il marchio per “un utilizzo nel campo dell’intrattenimento, nello specifico per i concerti musicali e le apparizioni fotografiche di musicisti”. Insomma, se il brevetto gli venisse riconosciuto, i musicisti dovrebbero pagare Gene per fare le devil horns.

E’ da anni che Gene sostiene di aver inventato il gesto delle devil horns il 14 Novembre 1974, durante il tour di Hotter Than Hell: nella sua autobiografia, le descrive come “una invenzione accidentale, il gesto spensierato di un grande uomo, ripetuto poi ai concerti ed imitato dai fan”.

Certo, il resto del mondo del rock ritiene che sia stato Ronnie James Dio ad usare le devil horns nel mondo del rock – Dio era un immigrato italiano, e le corna per scacciare la sfortuna erano un segno che gli aveva insegnato sua nonna.
Sarà per questo che, effettivamente, Gene Simmons vuole registrare il marchio non delle corna, ma delle corna con il pollice: un gesto ritenuto vergognosamente sbagliato da tutti i rocker.

devil_horns.jpg