Nuovo video e nuovi problemi di copyright per Lil Wayne

Sembra non aver intenzione di fermarsi Dwayne Michael Carter, Jr, meglio conosciuto come Lil Wayne. Dopo aver venduto più di un milione di copie nella prima settimana dopo l’uscita del terzo capitolo della saga Tha Carter, intitolato appunto Tha Carter III e aver già realizzato due video, Lollipop e A Milli, torna con un nuovo

Sembra non aver intenzione di fermarsi Dwayne Michael Carter, Jr, meglio conosciuto come Lil Wayne. Dopo aver venduto più di un milione di copie nella prima settimana dopo l’uscita del terzo capitolo della saga Tha Carter, intitolato appunto Tha Carter III e aver già realizzato due video, Lollipop e A Milli, torna con un nuovo video, Got Money, e un bel problema di copyright.

Il rapper insieme alla sua casa discografica Universal Music è stato citato a giudizio dai Rolling Stones e dalla Abkco Music per violazione del copyright e concorrenza sleale per il brano Play With Fire inserito nell’ultimo album di Lil Wayne. La canzone infatti rielabora, senza autorizzazione di chi ne detiene i diritti, l’omonima canzone dei Rolling Stones data 1965.

La Abkco e i Rolling Stones sono più che mai decisi a portare avanti la causa perché la versione del rapper di New Orleans conterrebbe un linguaggio “esplicito, sessista e offensivo” che loro non vogliono legittimare su una propria canzone. Non so come finirà la cosa ma penso che Lil Wayne avrà bisogno di soldi e non per l’uso che ne fa nel video di Got Money.