Valentina Polinori, Mobili: l’album d’esordio in uscita il 6 giugno 2017 – Videomessaggio a Blogo

Mobili di Valentina Polinori: l’album disponibile dal 6 giugno 2017. Guarda il videomessaggio della cantante per Soundsblog.it

” content=”” provider=”brid” video_brid_id=”” video_original_source=”” image_url=”https://s3.eu-west-1.amazonaws.com/video.blogo.it/thumb/dzST1uGW-640.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”231639″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fNDg0OTU1JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSBjbGFzcz0nbXBfdmlkZW9fdGhlbWUgaWZyYW1lX19tcF92aWRlb190aGVtZScgc3JjPSJodHRwczovL3NvdW5kc2Jsb2cuYWRtaW4uYmxvZ28uaXQvdnAvNDg0OTU1LyIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPSJ0cnVlIiB3ZWJraXRhbGxvd2Z1bGxzY3JlZW49InRydWUiIG1vemFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj0idHJ1ZSIgZnJhbWVzcGFjaW5nPScwJyBzY3JvbGxpbmc9J25vJyBib3JkZXI9JzAnIGZyYW1lYm9yZGVyPScwJyB2c3BhY2U9JzAnIGhzcGFjZT0nMCc+PC9pZnJhbWU+PHN0eWxlPiNtcC12aWRlb19jb250ZW50X180ODQ5NTV7cG9zaXRpb246IHJlbGF0aXZlO3BhZGRpbmctYm90dG9tOiA1Ni4yNSU7aGVpZ2h0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7b3ZlcmZsb3c6IGhpZGRlbjt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O30gI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzQ4NDk1NSAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzQ4NDk1NSBpZnJhbWUge3Bvc2l0aW9uOiBhYnNvbHV0ZSAhaW1wb3J0YW50O3RvcDogMCAhaW1wb3J0YW50OyBsZWZ0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDtoZWlnaHQ6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9PC9zdHlsZT48L2Rpdj4=”]

Dal 6 giugno 2017 sarà disponibile in copia fisica e digitale Mobili, l’album d’esordio di Valentina Polinori. Anticipato il 28 maggio 2017 dal singolo Lolita, Mobili è un disco di profonda sensibilità melodica registrato presso Il Cubo Rosso Recording, masterizzato da Fabrizio de Carolis al Reference Mastering e distribuito dall’etichetta Saetta Dischi. Ecco le parole della cantante per raccontare il disco:

“Il disco si intitola Mobili per il contrasto tra movimento e immobilità che la parola ispira. La casa è un piccolo mondo di cui i mobili sono un elemento importante ed evocativo. Essere mobili significa creare una realtà nuova, parallela alla quotidianità e allo stesso tempo differente”.

Supervisionato dalla produzione artistica di Aurelio Rizzuti, Mobili è un cocktail in dieci tracce tra cantautorato italiano e ritmi rock che sfocia nell’elettronica nei brani Ghiaccio e A Uno in 3:

“Tra scrittura e registrazioni, Mobili è il frutto di due anni di lavoro. Alcuni brani sono storie di personaggi inventati, altri sono riflessioni su sensazioni quotidiane”.

Valentina Polinori | Biografia

Storica dell‟arte. Docente. Musicista. Gallerista. Cantautrice. Romana di nascita, europea d‟adozione, Valentina vanta una formazione classica. Classe 87, laurea in Storia dell’Arte Contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, si trasferisce oltralpe per accrescere e coltivare la sua vena artistica. Per alcuni anni fa di Parigi la sua casa, qui si specializza negli studi artistici. Con solo bagaglio a mano si sposta per un periodo a Utrecht, nei Paesi Bassi. Filo conduttore del suo pellegrinare la musica. Il primo approccio è con il pianoforte classico, Valentina ha sette anni. È il 2001 quando inizia il suo percorso di formazione artistica al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma. Si avvicina timidamente al mondo del jazz. Dal pianoforte alla chitarra il passo è (non poi così) breve. Imbraccia il nuovo strumento e lo studia da autodidatta. Inizia a scrivere brani inediti. Oggi, dopo due anni di intenso lavoro, annuncia il suo primo disco, Mobili, da lei scritto e arrangiato.

Valentina Polinori | Mobili | Track by Track

polinori-album-mobili.jpg

Testo Vero – Primo brano scritto dall’autrice. Si tratta di una lettera di addio di una ragazza ad una sua ex, rubata e ri-arrangiata

Lolita – Primo singolo del disco. Tratta il tema dell’attesa. Il protagonista, la cui scelta di non attribuirgli un genere sessuale è voluta, aspetta l’amore. Crede che prima o poi arriverà, nonostante il tempo che passa. L’elemento “gender”, tanto caro all’autrice, è venuto fuori in corso d’opera, pensando che fosse indifferente se uomo o donna

Ghiaccio – Una donna buona, persa nel suo mondo, lontano dalla realtà

Mobili – L’artista gioca qui sulla polisemia della parola. La sua mania di spostare i mobili in casa per risolvere le ansie si alterna alla mobilità dei giovani d’oggi, costretti a muoversi su equilibri instabili.

A uno in 3 – Si tratta di immagini collezionate in treno, ma in realtà è una canzone premonitrice venuta fuori per caso. La nonna tra i ricordi, “i bambini bilingue borghesi di domani” nel suo futuro prossimo, sono i bambini per i quali Valentina lavora oggi e al tempo nemmeno lo sapeva.

Gelsomino – Un personaggio inventato, un signore anziano che decide di rimettersi in gioco, nonostante le perplessità.

Gradini – uno stornello moderno per raccontarci Roma. Il testo è stato scritto a Parigi, l’autrice, lontana da casa, pensava e immaginava la sua città natia con maggiore consapevolezza.

Frida – Facile intuire di cosa parla questa canzone. L’autrice è molto affezionata all’immagine di Frida Khalo, come artista e come donna, ne conosce la biografia a fondo e persino le sue espressioni.

Esodi – Parla della generazione di oggi e della sensazione di smarrimento che si prova dopo la laurea. Alla ricerca di una direzione, con la voglia di ripartire e con l’ansia di decidere.

Andiamo lenti – è uno stream of consciousness; una serie di pensieri sparsi, aggrovigliati, di frasi non dette e di emozioni a volte represse. Qua e là anche alcune frasi

Mobili sarà disponibile in copia fisica e digitale su iTunes, Spotify, Amazon Music, Google Play, Tidal, Deezer, Pandora, Napster e Groove dal 6 giugno 2017.

Photo Credit @ Giulia Cavo

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →