Luis Miguel arrestato: il cantante si è consegnato agli U.S. Marshall della California

Guai giudiziari per il cantante Luis Miguel: ecco di cosa sarebbe accusato.

Luis Miguel è finito protagonista di una spiacevole vicenda, negli ultimi giorni, che ha visto come epilogo il cantante consegnarsi agli U.S. Marshall della California. Alla base di questa decisione, una contesa nata in un tribunale del Texas nel 2014. Il suo ex manager, William Brockhaus, ha citato l’artista per i mancati pagamenti e questa causa ha visto il verdetto di un giudice federale -nel luglio dello scorso anno- che ha ordinato a Miguel di versare al suo ex collaboratore una somma pari a circa un milione di dollari. Pochi mesi fa, sempre in base a quanto emerso, un altro giudice avrebbe intimato al cantante di consegnare una sua vettura -Rolls Royce- per sanare il debito con Brockhaus.

Secondo le indiscrezioni, Miguel non avrebbe comunque versato la somma stabilita e, addirittura, non si sarebbe nemmeno presentato in tribunale durante la causa che lo vedeva coinvolto. Lo U.S. Marshall Matthew Cordova ha confermato alla stampa che Miguel si è consegnato, nelle ultime ore, ed è stato trattenuto in vista del processo dinanzi a un altro giudice federale che deciderà come gestire tutta questa storia. La scelta di non lasciare libero, per il momento, il cantante, sarebbe anche nata in seguito alle sue reiterate assenze dalle aule nei precedenti processi.