The Vaccines contro Rihanna "Non è una vera artista"

The Vaccines

Partiamo dalla premessa per chi non conosce i The Vaccines. Sono una band inglese indie rock, nata da circa un paio d'anni ma che ha riscosso successo e attenzione da parte dei critici e del pubblico. Il 3 settembre 2012 uscirà il loro secondo album, Come of Age e si sono distinti a tal punto da essere nominati come Best New Artist ai Brit Awards.

In una recente intervista, il gruppo ha espresso la propria opinione su Rihanna, attraverso le parole del chitarrista Freddie Cowan:

"Non è un'artista, la 15 persone che scrivono per lei, 15 autori e 15 produttori, tutti impegnati a trovarsi spazio nei suoi album, dei quali lei è l'immagine, ci mette la faccia. Non ho niente contro questo ma non voglio essere collegato ed associato a questo"

Non ne sono usciti indenni nemmeno i Coldplay, al centro della critica anche per la collaborazione con la cantante per il brano "Princess Of China":

"Non ho mai ascoltato quella canzone, ma sono i Coldplay - farebbero qualsiasi cosa in loro potere per poter essere la più grande band sulla terra, per essere superiori agli U2. Lavorano bene, non hanno mai fatto uscire un brutto album. Non ho niente contro queste collaborazione perchè penso che non si possa giudicare le persone, ma non penso che io sarei mai stato coinvolto in qualcosa del genere. C'è bisogno di merito artistico"

Un commento che probabilmente alzerà un polverone (forse lo scopi è proprio quello) ma che apre un discorso interessante. Rihanna a parte -presa come esempio dal membro dei The Vaccines- pensate che la band abbia in parte ragione? Un vero artista è colui che sa scrivere anche i testi delle sue canzoni o pensate che non sia obbligatorio che alla voce, magari potente, possa viaggiare parallela anche l'abilità autoriale?

  • shares
  • Mail