Gene Simmons contro lo streaming: “Le persone che hanno ucciso la musica sono gli stessi fan che la amano”

Gene Simmons non è un fan della musica in streaming.

Gene Simmons ha preso apertamente posizione contro i siti che permettono di ascoltare musica gratis, in streaming. Il rocker, in una recente intervista, ha serenamente dichiarato di non essere un fan di questa fruizione musicale:

“Buona fortuna a loro. Io non sono un sostenitore”

Il musicista ha spiegato che la sua opinione non lo riguarda in prima persona, non è una battaglia che sta prendendo per i suoi interessi (è già ricco e ha ottenuto il successo, costantemente, da anni) ma lo fa per chi sogna di diventare cantante o musicista e di poter vivere grazie alla sua passione:

“Se vuoi guadagnarti da vivere, non è possibile che tu metta la musica là fuori. Quindi tu stai vivendo nel seminterrato di tua madre, devi avere un lavoro di giorno e i ragazzini possono ascoltare la tua musica gratis … E le persone che hanno ucciso tutti i nuovi gruppi sono gli stessi fan di queste band. Non era l’America corporativa, non sono stati alieni provenienti dallo spazio. Le persone che hanno ucciso la musica che amano sono le persone che amano la musica”

Allo stesso modo, non è d’accordo che i prezzi e il denaro che pagano i fan sia quanto loro desiderino e vogliano:

“Non funziona. Fai pagare le persone. Falli pagare. Fai una separazione, tracciare una linea nella sabbia. Questo è il commercio e questo è la carità. Dopo aver ottenuto i soldi e tutta quella roba, allora puoi decidere se fare la carità. O renderlo proprio pubblico: ‘Cos’è quello che sto per fare? Carità'”