Giò Sada, Lago: testo e audio

Lago di Giò Sada: testo e audio della canzone su Blogo.

Da venerdì 17 marzo sarà in rotazione radiofonica Lago, il nuovo singolo di Giò Sada estratto dall’album Volando al Contrario. Il brano, meno rock rispetto agli standard del cantautore barese, è stato scritto a quattro mani con l’amico Matteo Palieri.

“E’ una canzone che nasce da un’amicizia profonda e la racconta. Gli accordi sono stati composti al piano da Matteo pensando a me che, all’interno del programma, non potevo avere contatti con nessuno; terminato X Factor, me la ha regalata, ed io ci ho aggiunto il testo dedicandolo a Matteo. Il risultato è un’autentica gemma, che brilla tra gli altri brani dell’album per la sua unicità”.

Giò Sada, Lago, Testo

Raschiando i fondi
contando i giorni
dietro di me

Sembrare forti anche quando gli occhi pesano
e tu sei l’unica occasione che ho di parlare
e tu sei l’unica occasione che ho di potermi far ascoltare

Mentre gli altri siedono
le mie gambe tremano ancora
perché non voglio cedere mai alla fragilità

È mattino che appari, abbi cura di me
oggi disegnala coi colori e le luci che hai scelto per lei
ecco che appare un’altra città attorno a noi
concentrandomi riesco a immaginarci lontano da qui

Con lo sguardo fisso e il respiro lento, fermo il tempo
in modo da potermi dedicare solo a te
e questa è l’ultima occasione che ho per amare
e questa è l’ultima occasione che ho per potermi far ascoltare

È mattino che appari, abbi cura di me
oggi disegnala coi colori e le luci che hai scelto per lei
ecco che appare un’altra città attorno a noi
concentrandi riesco a immaginarci lontano da qui

Ed io se rido nel vederti arrivare coperto dall’aura autunnale che indossi
sei come il freddo quando non vuole arrivare
è mattino che appari, abbi cura di me
oggi disegnala coi colori e le luci che hai scelto per lei
ecco che appare un’altra città attorno a noi
concentrandomi riesco a immaginarci lontano da qui