Mariah Carey, Capodanno 2017: “Un’occasione per umiliarmi”. E annuncia una pausa

Mariah Carey condivide un audio su Twitter nel quale commenta l’esibizione live fallimentare del 31 dicembre 2016. E ammette di volersi prendere una pausa.

A quasi dieci giorni dal “fattaccio” che ha visto protagonista Mariah Carey, nella notte di Capodanno 2017 -con un live mancato e alcuni minuti sul palco a camminare perché l’auricolare non funzionava- è la cantante a voler prendere la parole e mettere (forse) la parola fine a quanto accaduto. Nei giorni scorsi, un portavoce della Dick Clark Productions che ha curato l’evento, ha smentito qualsiasi accanimento o responsabilità nei confronti dell’artista:

“In casi molto rari avvengono degli errori tecnici, naturalmente, che possono verificarsi con la diretta tv, tuttavia,la nostra indagine iniziale ha indicato che la DCP non ha avuto alcun coinvolgimento con la performance di Capodanno della signora Carey. Vogliamo essere chiari: abbiamo il massimo rispetto per la signora Carey come artista e riconosciamo i suoi enormi successi nel settore.”

Mariah, via Twitter, ha condiviso un audio nel quale si rivolge ai suoi fan:

“Anche se ho intenzione di adempiere ai miei obblighi professionali, questo è un periodo importante per prendere finalmente un momento per me stessa, stare insieme ai miei cari e per preparare il prossimo tour nel mese di marzo. Non vedo l’ora di cantare di nuovo per voi”

Infine, ha commentato quanto avvenuto la sera del 31 dicembre, ammettendo le numerose difficoltà con le quali ha dovuto interagire:

“Non è pratico per un cantante esibirsi dal vivo e non essere in grado di sentire se stesso correttamente nel mezzo di Times Square con tutto il rumore, il freddo, il fumo delle macchine, migliaia di persone che festeggiano, soprattutto quando il loro auricolare non funzionava affatto. Ascoltate, ragazzi. Mi hanno sabotata. Così, il tutto si è trasformato in un’occasione per umiliare me e tutti coloro che erano entusiasti di suonare nel nuovo anno insieme a me”.

I Video di Soundsblog