Gigi d’Alessio feat. Renato Carosone, Io Mammeta e Tu: testo e audio

Gigi d’Alessio, Io Mammeta e Tu ed il duetto virtuale con Renato Carosone: testo e audio.

Da venerdì 26 agosto sarà in rotazione radiofonica Io Mammeta e Tu, il nuovo singolo di Gigi d’Alessio estratto dall’album Malaterra, nato per celebrare i più grandi classici della musica napoletana. Il brano è caratterizzato dalla presenza, seppur “virtuale”, di Renato Carosone.

La canzone, datata 1955, è stata scritta da Domenico Modugno e Riccardo Pazzaglia e portata al successo proprio da Renato Carosone. D’Alessio, si legge nella nota stampa, “ha voluto reinterpretarlo, mescolando melodie del presente e del passato”.

“Ci siamo conosciuti. Sono andato a casa sua perché dopo aver avuto un po’ di successo, non esitavo a cantare e suonare i suoi pezzi. Ed è nata un’amicizia. Vera. Lui era una persona straordinaria, per bene. Era ironico e io sono molto autoironico. E poi già 50 anni fa era avanti a tutti, modernissimo. Una volta mi disse: “Gigi, vedi questo pianoforte? Solo tu potrai continuare a farlo suonare. È magico”. Ecco, io oggi quel pianoforte ce l’ho a casa mia. Per me è una cosa importantissima”.

Gigi d’Alessio feat. Renato Carosone, Io Mammeta e Tu, Lyrics

[lyrics content=”

Ti avevo detto,
dal primo appuntamento,
‘e nun purta’ nisciuno appriesso a te…
Invece mo nu frato,
na sora, na nepote…
sola nun staje na vota
ascimmo sempre a tre!
E mi hai promesso
“Domani chi lo sa…
vengo io soltanto…
soltanto con mamma’!”
Io, mammeta e tu…
passiammo pe’ Tuledo,
nuje annanze e mammeta arreto…
Io mammeta e tu…
Sempre appriesso,
cose ‘e pazze
chesta vene pure ‘o viaggio ‘e nozze…
Jamm’o cinema, o abballa’…
si cercammo ‘e ce ‘a squaglia’,
comm’a nu carabbiniere
chella vene a ce afferra’… Ah… Ah…
ma, ‘nnammurato,
so’ rassignato
Non reagisco pi?…
Io, mammeta e tu!…
Io, mammeta e tu!…
Ma San Gennaro m’aveva fatto ‘a grazia
ll’ata matina
nun ll’ha fatta aiza’
Teneva ll’uocchie ‘e freve,
pareva ca schiattava,
io quase mme credevo
d’asci’ sulo cu te…
Nu filo ‘e voce,
pero’, truvaje mamma’
“Da ‘a piccerella
ve faccio accumpagna’…”
Io, soreta e tu…
Jamm’o bar ‘o Chiatamone
“Vuo’ ‘o cuppetto o vuo’ ‘o spumone?”
“Chello ca costa ‘e cchiu’!”
Pe’ ricordo ‘e ‘sta jurnata,
dint’a villa, ce hanno fatt’a foto…
Vuo’ ‘o pallone, vuo’ ‘o babba’
nun se fida ‘e cammena’…
guardo a essa, guardo ‘o mare…
sto’ penzanno ‘e ce ‘a mena’… Ah… Ah…
ma, ‘nnammurato,
s? rassignato
nun ve veco cchiu’…
Mammeta, soreta e tu…
Mammeta, soreta e tu..
Jamm’o cinema, o abballa’…
si cercammo ‘e ce ‘a squaglia’,
comm’a nu carabbiniere
chella v?ne a ce afferr?… Ah… Ah…
tu mm’e ‘nguajato…
me sposo a n’ata,
nun ve veco cchi?…
Mammeta, soreta e tu…
pateto, frateto e tu…
nonneta, zieta,
pateto, frateto,
nonneta, soreta, e tu



” id=”382485″]

I Video di Soundsblog