Zibba, interrotto durante un concerto a Imperia: “Troppo rumore”

“Troppo rumore”. Gli imperiesi chiamano le Forze dell’Ordine per far finire il concerto in anticipo.

“Troppo rumore”. Può un concerto estivo – di musica di qualità, fra l’altro – far indignare gli abitanti delle case adiacenti al palco? Evidentemente sì, nell’Italietta che abitiamo. E’ successo giovedì 11 agosto durante l’Imperia Unplugged Festival. Sul palco il cantautore Zibba accompagnato da Samuele Puppo, Margherita Zanin e Karl Koch; in platea tanta gente con voglia di cantare a squarciagola, applaudire e partecipare con entusiasmo; nelle case gli imperiesi alle prese con telefonate di fuoco indirizzate ai centralini delle Forze dell’Ordine.

Così, una pattuglia della polizia è dovuta intervenire in Piazza San Giovanni. “Gli uomini in divisa sono saliti sul palco interrompendo il concerto di Zibba e costringendo il rocker savonese e la band che lo accompagnava, a posare gli strumenti e a spegnere le casse – riporta Il Secolo XIX -. Scoccate le 23.35, sotto gli occhi di centinaia di spettatori allibiti, è arrivato inesorabile lo stop alla musica: secondo la questura le note avevano abbondantemente sforato il limite orario fissato alle 23″.

“L’esibizione è stata autorizzata dalle autorità comunali dalle 21 fino a mezzanotte. Abbiamo le carte che lo dimostrano. Chiariremo tutto nelle sedi adeguate”, sostengono gli organizzatori Nico Zanchi e Chiara Ragnini.

La serata, comunque, è stata un successo. E, come riporta la pagina Facebook dell’evento, si è svolta “di fronte al pubblico attento e davvero numeroso, che ha riempito, oltre ai nostri cuori, piazza San Giovanni come non mai, sotto un cielo stellato e nonostante alcune incomprensioni con le forze dell’ordine, che ci hanno impedito di proseguire fino all’orario prestabilito (h 24:00) , ma non per questo sono riusciti a scalfire una giornata che è stata bellissima e perfetta dall’inizio alla fine”.