Mtv Awards 2016, Stash dei The Kolors tra le polemiche. Comportamento scandaloso? No. Evitabile, Sì. #IoStoConITheKolors

Stash è diventato protagonista indiscusso degli Mtv Awards 2016. Ma non per i premi vinti. Il web si divide per le reazioni del leader dei The Kolors.

the-kolors-stash-sputa.jpg

Gli Mtv Awards 2016 hanno visto la consacrazione di Benji e Fede, per la gioia delle loro fan, ma la loro abbuffata di premi è stata oscurata in un nanosecondo dal dramma "Stash" dei The Kolors. Andiamo brevemente con ordine. Il gruppo vincitore di Amici 2015 è salito sul palco per cantare Me Minus You. Un brano intenso, delicato, interpretato sempre in maniera impeccabile del leader del gruppo. Per intenderci, qualche giorno fa ho twittato questo, durante la loro ospitata nel programma di Rai Uno, Con il cuore.


E' la prova che sulla band uscita da Amici puntavo parecchio. Ancora oggi credo che siano perfetti per l'Eurovision. A patto che non accada quello che è successo ieri sera. La loro performance del brano, come anticipato, ha perso tutto il valore iniziale, tra risate fuori luogo, mood da scampagnata sul palco e il caso "sputo" verso la telecamera. Primo piano del cantante che si piega e fa quel gesto tutt'altro che elegante. Dubito che sia nato per liberarsi da un moscerino che gli si era fiondato in gola mentre cantava, no?

Vogliamo interpretarlo come qualcosa di "rebel" e tanto rock? Anche no, ma fingiamo di sì. Tralasciamo. Proviamoci, dai.

Poco dopo arriva sul palco Francesco Mandelli per consegnare il premio ma loro abbandonano il campo con la stessa velocità con la quale io evacuerei il mio appartamento con l'allarme antincendio, lasciando il conduttore in piedi, con il riconoscimento in mano e l'aria di chi è arrivato al party quando la festa è già finita. Insomma, non un momento facile da gestire in una diretta. Se la situazione è stata risolta con un "vado a consegnargli il premio nel backstage", il bis è arrivato nel finale quando il pubblico, la fanbase fedele, ha votato i The Kolors come Best Performer della serata. Se molte altre volte sarebbe stato meritatissimo, ieri era stato assegnato un po' sulla fiducia, diciamocelo. Ma anche in quel caso, nemmeno l'ombra della band sul palco, tra i fischi di una parte del pubblico. Poi c'è stato il video emerso nel dietro le quinte che vedeva uno scontro verbale tra Mandelli e il gruppo e le parole del conduttore, il giorno dopo. Domani, come in una sorta di soap, ci sarà il chiarimento in diretta radio. Siamo certi che tutto finirà a tarallucci e vino e che il bene trionferà.

Poco dopo la diretta, Stash si è scusato via Facebook:

A proposito di ciò che è successo questa sera sul palco degli Mtv Awards, purtroppo avete conosciuto un lato di me di cui non sono fiero e del quale mi scuso. E’ chiaro che il mio gesto non era affatto rivolto al pubblico o agli spettatori ma, a volte, quando il lavoro per il quale ti dedichi interamente viene colpito, la rabbia e la delusione che ne derivano sono così forti che ti portano ad avere una reazione di pari portata. Sono molto dispiaciuto per tutti coloro che si sono sentiti offesi dal mio comportamento. Stash

Scuse accettate? In parte, personalmente, non perché abbia commesso chissà quale azione terribile o lesiva, ma perché vedere Stash fare così, sul palco, è stato uno shock pari a immaginarmi Peppa Pig che, sbuffando, si accende una sigaretta mentre è in fila dal macellaio. Non te lo aspetti, soprattutto da uno come Stash che, con il pubblico, fino a ieri, la cosa più scostante che ha fatto è stata sistemarsi il ciuffo mentre rispondeva ad una domanda. Non tutto insieme, così, in un paio d'ore.

Forse il problema è sempre data dall'immagine che viene filtrata dallo spettatore. Se uno è un "bravo ragazzo", un comportamento come quello di ieri sera sembra incredibile, quasi inaccettabile. Ma anche Stash, come tutti noi, avrà le sue giornate no, avrà i suoi momenti di sopportazione al limite e attimi in cui -come ammesso da lui stesso- "un lato di sé di cui non è fiero" è emerso. C'è anche quello. Snobbare due premi non è sicuramente qualcosa che merita la definizione di scandaloso. Sgarbato, quello sì. E anche evitabile, visto il ruolo scelto, cantante e performer (pure "Best", ieri, tra l'altro, ricordiamolo). Un capriccio d'artista? Una ragazzata. Potremmo vederla così.

Lo sputo, invece. Ecco, quello è poco giustificabile. Non fa rebel, non fa rock. E se anche non era indirizzata al pubblico, è proprio stato lui l'involontario destinatario, da casa, grazie all'occhio di quella telecamera che ha ripreso la scena.

Su Twitter, l'hashtag #IoStoConITheKolors fa furore ma, attenzione, non tutti sono dalla sua parte. Se il tentativo di minimizzare c'è da parte di alcuni, molti giudicano indifendibile il loro comportamento di ieri sera. Forse, per avere un quadro della situazione, dovremmo conoscere i veri motivi che hanno portato il gruppo a reagire così, sul palco. Magari sapendo cosa è accaduto nelle ore precedenti e cosa intende Stash nel dire "quando il lavoro per il quale ti dedichi interamente viene colpito, la rabbia e la delusione che ne derivano sono così forti che ti portano ad avere una reazione di pari portata". Magari il tutto acquisterebbe un senso maggiore.

Magari.

  • shares
  • Mail