Gigi D'Alessio, conferenza stampa: "Il 3 agosto canterò a Rio per l'apertura delle Olimpiadi"

La conferenza stampa di Gigi D'Alessio per il Concerto a Napoli.

gigi-d-alessio-intervista-blogo.jpg

  • 12.05

    Gigi D'Alessio è già arrivato.. A breve si comincia.

  • 12.10

    D'Alessio: "Questa è una chiusura di un tour iniziato il 6 settembre davanti la Reggia di Caserta. Malaterra non solo un concerto, ma un progetto. Ho provato a promuovere la parte sana della mia terra. Ho girato il mondo, sono stato in teatri importanti.."

  • 12.12

    D'Alessio: "In Cina e Giappone c'erano 1500 persone. Non conoscevano me, ma la canzone napoletana. Non è vero come dicono molti che portano la canzone napoletana nel mondo, sono le canzoni a portare noi.. Mio intento far conoscere ai giovani le canzoni tradizionali napoletane. Mia figlia mi disse "Bella la canzone dei Negramaro Meraviglioso". Era una cover. Ho cercato di allargare con riarrangiamenti. Ho toccato con mano la vera ricchezza della canzone napoletana".

  • 12.15

    D'Alessio: "In Australia c'erano tanti italiani emigrati. I giovani hanno nuovi gusti, la maggiornanza erano adulti. All'estero la canzone italiana sta scemando, i figli degli italo-americani sono diventati americani. Missione è stata di portare la parte sana perché ovviamente siamo conosciuti per le notizie brutte. Non bisogna nascondere, ma nemmeno farci conoscere solo per questo. Napoli e il Sud non sono solo questo. Ho approfittato della mia popolarità per parlare anche di questi temi, la terra dei fuochi, all'estero".

  • 12.17

    D'Alessio su Gomorra: "Gomorra per me va bene, Saviano ha denunciato, io faccio conoscere. "Simm lacrime e zucchero. Se esportiamo solo Gomorra ci conosceranno solo per questo. Ho detto che a Napoli c'è stata la prima ferrovia, che abbiamo prodotti eccellenti. Ho promosso cultura e fatto concerti, promosso me stesso. Già il fatto di avere un pubblico attento c'è stata l'occasione per parlare.. Il brano più applaudito è stato Malaterra, ho visto piangere tante persone".

  • 12.22

    D'Alessio: "Il 3 agosto sarò all'apertura delle Olimpiadi a Rio de Janeiro per rappresentare l'Italia".

  • 12.23

    D'Alessio sul concerto al San Paolo: "Sono stato un po' lungimirante e coraggioso ad annunciare il San Paolo. Ma la mia gente ha risposto. La tracklist parte dal 1992 fino al 2016, non manca nulla. Ci sarà la diretta in radiovisione di Rtl, poi farò un dvd che parte da Caserta fino alla chiusura del San Paolo"

  • 12.24

    D'Alessio: "Anna? Figurati se non viene?! Ci sarà e ci saranno pure i miei figli. La band sarà quella storica. Il palco sarà a centrocampo. Un settore normalmente chiuso sarà aperto e ho messo il biglietto popolare a 10 euro e l'incasso andrà alla Terra dei fuochi".

  • 12.26

    D'Alessio: "La regia del dvd sarà di Roberto Cenci. Sono uno dei pochi artisti a non avere un manager, siamo un gruppo e rischiamo noi in prima linea".

  • 12.30

    D'Alessio: "Con gli attacchi terroristici è stato difficile girare il mondo negli aerei. Avrei dovuto cantare al Bataclan a ottobre, ma abbiamo fatto più paganti e ci hanno spostato. In Russia molti amano l'Italia, un pubblico caldissimo. Sapete che Ditincello vuje è stata scritta in Russia? Quando l'ho cantata è venuto giù il teatro".

  • 12.33

    D'Alessio: "Ad ogni tappa, ad ogni canzone mi sono emozionato". Alcuni colleghi chiedono la capienza del San Paolo, il cantante: "Trentamila. Lo spettacolo è anche fatto da video. Se per 5000 persone in più poi non vedono. Non mi interessava aprire dei lati per prendere soldi e farsi criticare. E' la festa di Napoli. Tre pianoforti per stare più vicino alla gente".

  • 12.36

    Il cantautore: "Tante serate le si affronta con ansia, ma questa serata del 21 giugno me la voglio godere insieme alla mia gente e alla mia città. E' il risultato finale di una grandissima esperienza. Non voglio venire a fare l'artista, ma stare a casa con la mia gente. Se sono tutto quello che sono è perché son partito da qui, dai matrimoni, le comunioni. Poi ho avuto due fortune: il pubblico napoletano e le canzoni napoletane".

  • 12.39

    Poi svela un aneddoto su Sanremo: "In Non dirgli mai c'era una frase in napoletano. Gli autori dell'epoca erano contrari. La presentai agli autori levando quella frase, ma la sera la cantai".

  • 12.40

    D'Alessio: "Sentire tutte le radio, sentire RTL e i conduttori cantare i brani di Malaterra è grandissima soddisfazione. Non so se un altro album avrà la stessa programmazione. Una missione,

  • 12.45

    Un cronista chiede quanto è cambiato dal primo San Paolo. Il cantante: "I capelli! Scherzi a parte, Ad un certo punto della carriera quando raggiungi un grande successo e ricevi mille attacchi. Poi all'improvviso diventi figo, gli stessi che ti attaccavano te li ritrovi. Credo sia successo un po' a tutti gli artisti.. Quel mondo della puzza al naso ha iniziato a dire 'D'Alessio è figo'. Sono nella fase de 'Il peggio è passato'. Sarà una fase astrale, ma adesso son proprio felice perché sento una considerazione di me tra gli addetti ai lavori"

  • 12.47

    Altra domanda ("Com'è cambiata la città?"). D'Alessio: "E' migliorata, perché siamo migliorati noi. Non è che le altre città sono tutte rose e fiori". Una domanda sul voto di domenica. "Non voglio parlare di politica, sono i napoletani a dover decidere. Non voglio fare un nome, voglio unire, non dividere".

  • 12.50

    Ospiti: "Briga, Dear Jack, Chiara Grispo (farò il duetto fatto con Macy Gray.. Quell'avventura in mezzo tra la Gray e la Bertè a Sanremo"). Ho avuto varie richieste di rapper che volevano cantare le mie canzoni".

  • 12.51

    Conferenza finita.

Oggi, alle ore 12, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del concerto di Gigi D'Alessio allo Stadio San Paolo di Napoli previsto per martedì 21 giugno. Si tratta della tappa finale del Malaterra World Tour iniziato nell'autunno 2015 e che ha portato il cantautore partenopeo a viaggiare per il mondo tra Europa, Asia, America e Australia.

Poi in primavera ci sono state le date italiane (Torino, Milano, Roma, Genova, Bologna, Firenze, Padova).

Martedì 21 giugno RTL 102.5 in radiovisione ( canali 750 di Sky e 36 del Digital terrestre) e Radio Zeta L’Italiana in radio, trasmetteranno il concerto in diretta dallo stadio San Paolo, nella sua Napoli. A condurre la serata a partire dalle 21.00 ci saranno Gianni Simioli e Barbara Foria.

Noi di Blogo eravamo presenti e qui trovate tutte le dichiarazioni della conferenza stampa. Tra le più interessanti l'annuncio che canterà per rappresentare l'Italia il 3 agosto in occasione delle Olimpiadi in Brasile ("Il 3 agosto sarò all'apertura delle Olimpiadi a Rio de Janeiro per rappresentare l'Italia") e l'idea di aver voluto portare all'estero qualcosa di altro da Gomorra:

Gomorra per me va bene, Saviano ha denunciato, ha fatto vedere la parte malata. Io faccio conoscere quella sana. "Simm' lacreme e zucchero". Se esportiamo solo Gomorra ci conosceranno solo per questo. Ho detto che a Napoli c'è stata la prima ferrovia, che abbiamo prodotti eccellenti. Ho promosso cultura e fatto concerti, promosso me stesso. Già il fatto di avere un pubblico attento è stata l'occasione per parlarne..".

  • shares
  • Mail