Achille Lauro dà uno schiaffo ad un fan e spiega i motivi del gesto su Facebook

Il rapper: "Era ubriaco e ha rischiato di fare 10mila euro di danni".

achille-lauro-2016.jpg

Achille Lauro, rapper romano sotto contratto con la Roccia Music, label discografica fondata da Marracash, ha pubblicato nel 2015 il suo primo album ufficiale intitolato Dio c'è. Per quanto riguarda quest'anno, invece, il rapper ha dato alle stampe il mixtape Ragazzi madre.

Durante l'ultima edizione del Bisboccia Fest, che si è tenuta a Carnago, paese in provincia di Varese, il rapper romano si è reso protagonista di un episodio, documentato da un video, che ha destato polemiche.

Nel video disponibile su YouTube, infatti, possiamo vedere Achille Lauro rifilare un sonoro ceffone ad un ragazzo presente tra il pubblico. Subito dopo lo schiaffo, il rapper è risalito sul palco e ha preso il microfono, dicendo: "Domani pubblicità, domani pubblicità grazie a te".

Ovviamente c'è un motivo dietro questo gesto. A spiegarlo, è stato lo stesso Achille Lauro tramite la propria pagina ufficiale Facebook:

Volevamo spendere due parole su quello che è successo. Abbiamo suonato ad un festival con ingresso gratuito, tra le tantissime persone presenti lì per divertirsi, un ragazzo dell’età mia, se non più grande, palesemente ubriaco che voleva attirare l’attenzione come un adolescente, oltre a comportarsi in modo incivile, in mezzo al pubblico, ha lanciato una bottiglia piena che è andata a finire sulla consolle facendo saltare l’impianto del festival per 20 minuti. Tutto questo, oltre a rischiare di fare 10mila euro di danni all’organizzazione che ha investito per dare l’opportunità a tutti di entrare gratuitamente, ha rischiato di far male alle persone presenti. Insomma se lo meritava o no questo scemo un bello schiaffo?

Anche un altro rapper, nel 2011, si rese protagonista di un gesto molto simile. Stiamo parlando di Fabri Fibra che se la prese con un ragazzo del pubblico, reo di averlo offeso e denigrato durante un concerto. Per la cronaca, Fabri Fibra fu querelato e condannato ad un risarcimento.

  • shares
  • Mail