Ariana Grande, Dangerous Woman: petizione online contro una recensione dell'album

Dangerous Woman di Ariana Grande è finalmente uscito e le prime recensioni dell'album sono apparse in rete. Qualcuno, però, non ne ha gradito una in particolare...

ariana-grande-dangerous-woman-recensione.jpg

Venerdì è stato rilasciato Dangerous Woman, il nuovo album di Ariana Grande. Dopo i primi singoli -l'omonima titletrack e il secondo estratto, Into You- i fan hanno potuto ascoltare interamente il disco di inediti rimandato dopo il poco convincente riscontro ottenuto da Focus. Insieme al pubblico, anche i critici hanno iniziato a condividere e pubblicare le prime recensioni dell'album. In generale, i giudizi sono stati positivi e hanno apprezzato il nuovo progetto della giovane cantante.

Il sito americano Rolling Stone ha dato una percentuale di tre stelle su cinque al disco, una percentuale di 60 punti 100. Non negativo. Magari non entusiasta ma più che legittimo, no? Per qualcuno, però, questo è inaccettabile e ha dato vita ad una vera e propria petizione contro questa recensione:

"Dopo il rilascio, l'album ha ricevuto il plauso della critica quasi universale, con recensioni che hanno lodato la sua voce, la produzione e la qualità complessiva del disco. Recensioni dalla critica certificate che variavano da circa 70 a 90 su una scala di 100. Questo ad eccezione di Rolling Stone, che ha dato l'album di 3 stelle su 5, pari a un 60/100. Nella maggior parte delle circostanze, la recensione di un giudizio inferiore sarebbe stata accettabile se fosse stata fatta da un critico che ha analizzato legittimi difetti. Ma questo non è stato. "

Secondo l'utente, infatti, il giornalista avrebbe criticato senza motivazioni l'album di Ariana ed è stato giudicato

"non qualificato a recensire questo album pop dal momento che la stragrande maggioranza delle sue precedenti recensioni [sic2] sono stati di album rap ... la recensione stessa rimane molto poco professionale e in nessun modo giustifica il punteggio basso.

Qui potete recuperare la recensione "incriminata"

Via | PopCrush

  • shares
  • Mail