Antonello Venditti, Nella notte di Roma: il libro dal 28 aprile 2016

Nella notte di Roma è il libro di Antonello Venditti: trama, prezzo, informazioni e data di uscita.

[blogo-video id=”383402″ title=”Antonello Venditti – Cosa avevi in mente” content=”” provider=”youtube” image_url=”http://media.soundsblog.it/a/af4/hqdefault-jpg.png” thumb_maxres=”0″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=Bm5xBqF0N7o” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzgzNDAyJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNjIwIiBoZWlnaHQ9IjM1MCIgc3JjPSJodHRwOi8vd3d3LnlvdXR1YmUuY29tL2VtYmVkL0JtNXhCcUYwTjdvP2ZlYXR1cmU9b2VtYmVkIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzgzNDAye3Bvc2l0aW9uOiByZWxhdGl2ZTtwYWRkaW5nLWJvdHRvbTogNTYuMjUlO2hlaWdodDogMCAhaW1wb3J0YW50O292ZXJmbG93OiBoaWRkZW47d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9ICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zODM0MDIgLmJyaWQsICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zODM0MDIgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Antonello Venditti è tornato a scrivere un romanzo. Già nel 2009 aveva pubblicato per Mondadori L’importante è che tu sia infelice, “il racconto del mio viaggio della vita” dedicato alla madre Wanda Sicardi. Il nuovo lavoro è dedicato ad un altro amore ricorrente del cantautore: Roma, la sua città. Dopo averla esaltate attraverso molteplici brani – Grazie Roma, Roma Capoccia, Roma (Non si discute, si ama), Circo Massimo e molte altre -, ora tocca ad un libro.

Uscirà il prossimo 28 aprile e si intitola Nella notte di Roma. “Un incontro casuale. Una città sospesa. I suoi vizi capitali”, recita la copertina del volume edito da Rizzoli (17 euro) che mostra un cuore disegnato nei sanpietrini della Capitale.

“Quali sono i vizi di cui Roma e i romani si macchiano quotidianamente, ormai quasi senza accorgersene? – si legge nella presentazione – In questo pamphlet appassionato, feroce e al tempo stesso ironico come è nel suo stile, Antonello individua i veri peccati capitali di Roma: dal peccato di bruttezza, responsabile per esempio della devastazione architettonica di ampie parti della città, al clientelismo che s’impara fin da piccoli, fino al peccato di purezza che, in un mondo spietato e orientato esclusivamente al profitto, è decisamente il più grave. Attraverso la sua voce, Venditti rivolge un appello a Roma e all’Italia per salvare la sua città, tracciando al contempo un percorso esistenziale fatto di musica e ricordi”.