Dave Grohl scrive una lettera al Consiglio della Cornovaglia per permettere a una band locale di suonare

Chiedi aiuto a Dave Grohl? Lui risponde… e scrive.

I Black Leaves of Envy sono una band amatoriale, in Cornovaglia, con un grande sogno: diventare famosi e fare buona musica. Si sa che sono necessarie tante prove, sacrifici, impegni e passione. Ma a volte questo non basta e si rischia di scontrarsi con alcune regole che rischiano di minare il desiderio più grande. E’ quello che è accaduto a questo gruppo, impegnato a suonare in un garage e accusato di disturbare la quiete. Di fronte a questo divieto, hanno pensato di chiedere una buona parola in loro soccorso. No, niente genitori o amici di famiglia. Loro hanno scritto a Dave Grohl. E lui? Ha risposto, scrivendo una lettera direttamente indirizzata al Consiglio della Cornovaglia:

“Caro Consiglio della Cornovaglia, il mio nome è David Grohl, e sto scrivendo per un vostro gruppo musicale locale, i Black Leaves of Envy. Mi è stato portato all’attenzione che la band sta avendo difficoltà per via delle restrizioni attuali in merito alla rumorosità poste dal vostro Consiglio, un massimo da 30 a 40 decibel (circa il livello di una lavastoviglie a 15 metri di distanza). Sono un musicista americano da oltre 30 anni, ho suonato professionalmente con band come Nirvana e Foo Fighters, per citarne solo alcune, vendendo oltre 100 milioni di dischi. Per i musicisti che non hanno le risorse per fare prove in strutture professionali, un parcheggio interrato è l’unico modo che hanno per poter sviluppare il loro talento e la loro passione. Credo che sia fondamentale che i giovani abbiano un posto per esplorare la loro creatività e stabilire un contatto con se stessi attraverso il canto. Per il bene della vostra band locale -i Black Leaves of Envy- e per le generazioni di giovani musicisti che loro stessi possono ispirare, vi chiedo di riconsiderare le restrizioni imposte sul volume della loro sala prove privata. Penso che in questo modo, manderete il messaggio che la Cornovaglia non è solo la patria di musica e delle arti, ma anche un luogo ch ha comee obiettivo quello di incoraggiare i bambini a seguire i loro sogni in un mondo tutto ciò sia possibile”

Dave-Grohl

E i Black Leaves of Envy, giustamente, ringraziano:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

We are extremely happy and humbled by the response we have had from Dave Grohl, and we are all so appreciative of the…

Pubblicato da Black Leaves of Envy su Mercoledì 23 marzo 2016