Kesha guest star nella serie tv Nashville

Kesha sarà presente nella nuova stagione di Nashville.

Kesha nel ruolo di se stessa a Nashville.

A dare la notizia, in anteprima, è il sito Hollywood Reporter. Ci sarà lei e anche altri due cantanti country, Kelsea Ballerini e Thomas Rhett. Tutti e tre saranno guest star della serie tv e interpreteranno se stessi. La loro partecipazione al drama musical non avverrà contemporaneamente.

Per Kesha è un ritorno alla recitazione -sebbene nel ruolo di se stessa- dopo essere apparsa a Jane The Virgin (nel ruolo di una vicina di casa della protagonista) e nel film Jem and the Holograms, risultato però vero e proprio cosa di flop cinematografico.

Sono molti, in passato, i cantanti che hanno accettato di partecipare a Nashville, come Brad Paisley, Kellie Pickler, Florida Georgia Line e Sara Evans. Nella scorsa stagione, era stata scelta anche Christina Aguilera nei panni di Jade St. John.

La notizia dell’approdo -come guest star- di Kesha a Nashville, arriva dopo un lungo periodo problematico per la cantante, a causa della battaglia legale contro Dr Luke, descritta così dalla diretta protagonista:

“L’industria della musica ha aspettative irrealistiche su come un corpo dovrebbe essere e ho iniziato a diventare eccessivamente critica del mio corpo proprio a causa di questo. Mi sembrava come se le persone fossero sempre in agguato, pronte a scattarmi foto con l’intenzione di criticarmi, stamparle e farmi apparire orribile (…) “Mi sentivo una bugiarda, dicendo alla gente di amare se stessi così come sono, mentre provavo odio per me stessa e stavo davvero male con il mio corpo. Volevo controllare cose che non erano in mio potere, io stavo controllando l’ordine sbagliato delle cose. Mi ero convinta che essere malata, magra fosse parte del mio lavoro. Sembrava farmi sentire più sicura, in qualche modo. Questa causa è uno sforzo sincero di Kesha per riprendere il controllo della sua carriera musicale e la sua libertà personale dopo aver sofferto per 10 anni come vittima di una manipolazione mentale, abuso emozionale e violenza sessuale da parte di Dr. Luke”