Shade, Str0nza bipolare: testo e video

Stronza Bipolare è il nuovo singolo di Shade: testo e video.

Shade, il campione torinese di freestyle ormai star del web grazie alle sue rime, ha sfornato un nuovo singolo estratto dall’album Clownstrofobia. Il brano, accompagnato da un videoclip ufficiale, si intitola a Stronza Bipolare. “Racconta una storia che ho avuto con questa ragazza con cui litigavo spesso, ma non l’ho voluta raccontare in maniera cattiva. Ovviamente le parole che uso nella canzone sono molto forti, ma l’atteggiamento del pezzo è sempre col sorriso, perché non la ricordo con cattiveria. Adesso non ci sentiamo da mesi e magari se ci vediamo siamo anche capaci di litigare di nuovo”, ha dichiarato il rapper.

Il brano – prosegue – “lascia spazio ad un testo più cattivo e pesante. A me piace raccontare tutto in maniera tragicomica, pensare che prima o poi ci faremo una risata su tutto questo ed io me la faccio prima del tempo. Sono tutti fatti realmente accaduti, la mia vita è un film tragicomico”.

Shade, Stronza bipolare, Lyrics

[lyrics content=”

Eri così bipolare che
Quando lo facevamo, era una cosa a tre
Anche se eravamo solo io e te
Ti ho salvato con due nomi sopra il mio cellE mi chiedi come va? Bene, anzi male,
sono notti che mi sveglio e non smetto più di ansimare,
ma si, amen
Ti chiedo di non passare, passi uguale,
lasci così tanto amaro in bocca che lo potrei masticare,
mai sfidare uno pazzo più di te
Non ti fidare della brava gente, il TG ti chiederà di me
Dire “Che strano, salutava sempre”
Io ti adoro anche se sei un’ansia vivente
E pazza di me, pazza di mente
Me ne hai fatte mille, ma mi passa di mente
Il mio analista che cosa direbbe?
Sono il tipo che lascia le porte aperte
Che ti sorride anche quando non si diverte
Probabilmente sei pazza da sempre
Mi avrai rovinato anche la vita precedente

Forse stavo meglio, quando c’eri tu
La verità fa male, le bugie di più
Sei stronza e bipolare quindi ti parlo al plurale
Dimmi che tanto mi odi in entrambi i modi e non c’è niente da fare
Perché con te non so mai con chi sto a parlare
Sei stronza e bipolare
Tu sei due persone diverse con la faccia uguale
Sei stronza e bipolare

Il tuo cuore è diviso in due, un bilocale
In cui c’è poco spazio e ci vivo male
Ti vedo lontana pure da vicino, lente bifocale
Sei la mia stella bipolare
E dici sì, poi scrivi no, io resto lì, in bilico
Do tutto ma per te è il minimo, coi tuoi messaggi mi assidero
Dici che non sono più quello di una volta
Non pendo più dalle tue labbra, ma da una corda
Sembra di essere in Alaska quando ci si incontra
Così fragile che a stringerti mi sento in colpa
E da quando hai deciso di andartene
Non vedo più il sole Antartide
Riuscire di testa, parti per venire nel mio mondo Atlantide
Siamo seri, sono come un regalo
che non ti è piaciuto ma per cui ringrazi e dici “Non dovevi”
Svuota pure i bicchieri delle stronzate che bevi
L’amore è cieco ma ti uccide, Daredevil

Forse stavo meglio, quando c’eri tu
La verità fa male, le bugie di più
Sei stronza e bipolare quindi ti parlo al plurale
Dimmi che tanto mi odi in entrambi i modi e non c’è niente da fare
Perché con te non so mai con chi sto a parlare
Sei stronza e bipolare
Tu sei due persone diverse con la faccia uguale
Sei stronza e bipolare

srapi.setPkey(“252b199f1f3067f890b493eb52294b48″);
srapi.setSongId(755353);
srapi.run();

” id=”755353″]