Phil Collins torna alla musica: “I miei figli devono vedere cosa faccio”

È durato solo quattro anni il ritiro ufficiale di Phil Collins dalle scene musicali: il ritorno è per i suoi figli.

Un ritiro annunciato per la volontà di fare il padre, un primo annuncio di ritorno e adesso la conferma ufficiale: Phil Collins tornerà a fare musica e sta già scrivendo un nuovo album solista.

Una scelta che in fondo ci aspettavamo, perché l’ex batterista dei Genesis non ha mai fatto mistero della temporaneità della sua “pensione”: già due anni fa aveva fatto capire di voler tornare a suonare perché gli mancava scrivere canzoni, e adesso sembra essere arrivato il momento giusto.

Intervistato da Rolling Stone USA, Phil Collins ha chiarito la volontà di tornare a fare musica con una motivazione precisa: il ruolo di padre a tempo pieno non serve più.

I miei figli hanno 10 e 14 anni e vogliono vedere cosa fa papà. Avevano il pannolino quando sono stato in tour l’ultima volta. Amano la mia musica e vorrei portarli con me così possono godersela al meglio.

Oltre al disco, quindi, ci sarà anche un tour: Phil Collins è speranzoso sulle tappe e soprattutto sulle location dove suonare.

Non credo che sarà molto lungo come tour, ma vorrei suonare negli stadi in Australia e nell’Estremo Oriente, ed è l’unico modo per farlo. Una parte di me però vorrebbe suonare solo nei teatri, quindi staremo a vedere.

Ovviamente non poteva mancare la domanda solita, ovvero quella sulla reunion dei Genesis dei quali, oltre ad essere stato batterista sin dall’inizio, fu anche leader dopo l’addio motivato di Peter Gabriel. Phil Collins ha lasciato molto ad intendere che non sarà facile riunire la band, nonostante anche di questo se ne parli da tempo:

Cominciamo con questa piccola cosa da solo. Adoro i ragazzi, ma vorrei fare questo da solo per primo. Per ora, vediamo come va.

Un nuovo album per Phil Collins e l’autobiografia in uscita nel 2016 serviranno a celebrare un rientro in pompa magna: capiamo la voglia di suonare, di scrivere, di far vedere cosa fa papà ai propri figli. Ma se proprio deve portarli in giro, non era meglio un viaggio organizzato?