Ritrovato (distrutto) il maiale dei Pink Floyd

Durante l’esibizione di Roger Waters al Coachella Festival in California, il mitico maiale gonfiabile gigante s’era sganciato dai cavi ed era volato via, proprio al termine dell’esecuzione del brano “Sheep”. Gli organizzatori avevano promesso una “taglia” di 10.000 dollari più dei biglietti a vita per il festival, per chi l’avesse riportato.Il Pink Floyd Pig, che

di dodo

Durante l’esibizione di Roger Waters al Coachella Festival in California, il mitico maiale gonfiabile gigante s’era sganciato dai cavi ed era volato via, proprio al termine dell’esecuzione del brano “Sheep”. Gli organizzatori avevano promesso una “taglia” di 10.000 dollari più dei biglietti a vita per il festival, per chi l’avesse riportato.

Il Pink Floyd Pig, che risale ai tempi dell’album Animals dove è raffigurato sulla copertina del disco, ha accompagnato per molti anni i concerti dei Pink Floyd e di Wartes solista. Più di dieci metri di lunghezza per un simbolo che, alla sua ultima uscita pubblica, riportava anche un invito a votare per il candidato Obama.

Era già sfuggito all’epoca, proprio durante il set fotografico per la cover del disco del ’77. Anche questa volta due coppie l’hanno trovato in un campo da golf e riconsegnato, ma purtroppo era ridotto a brandelli. La taglia, comunque, è stata pagata: dopo tutto, come si dice, del maiale non si butta via niente, no? Di seguito un video amatoriale del momento della “fuga”.

Via | My Desert

Pink Floyd Pig fly away @ Coachella 2008