Mark Ronson e Tame Impala, cover di I Sat By The Ocean dei Queens Of The Stone Age (Video)

In studio nella radio australiana Triple J, Mark Ronson e i Tame Impala hanno dato spettacolo omaggiando il supergruppo di Josh Homme ed esibendosi anche con il brano Daffodils, che Kevin Parker ha inciso proprio con il produttore inglese.

Se esiste un gruppo in grado di generare un fortissimo hype, quelli sono i Tame Impala: l’uscita del nuovo album Currents è stata anticipata dalla messa in streaming gratuito, e il disco è entrato subito nelle alte posizioni della classifica americana e di quella inglese. Altrettanto potente e adorato è il produttore Mark Ronson, autore di una delle hit del 2015 Uptown Funk con Bruno Mars e già collaboratore con Kevin Parker.

In sessione live alla radio australiana Triple J, Mark Ronson e i Tame Impala hanno omaggiato i Queens Of the Stone Age reinterpretando in cover del loro brano I Sat By The Ocean, contenuto nel disco …Like Clockwork tra gli album più belli del 2013. Trovate il video in apertura di post e vale davvero la pena ascoltare questa particolare versione.

Come se non bastasse, la superband di Mark Ronson e Tame Impala ha ricantato anche Daffodils, brano che Kevin Parker ha inciso proprio per il disco Uptown Special del produttore inglese. Ve lo dico eh: tanta roba.

Queens Of The Stone Age, I Sat By The Ocean: testo (cover Mark Ronson e Tame Impala)

[lyrics id=”751869″]

I sat by the ocean and drank a potion, baby to erase you.
Face down in the Boulevard, yet I couldn’t face you.
There ain’t no use in crying. It doesn’t change anything,
So baby what good does it do?
Your friends, they all sympathize.
Maybe, I don’t need them too.

Imagine I’d be your one and only
Instead I’m the lonely one

You, me and a lie.
Silence is closer.
We’re passing ships in the night.

There’s nowhere to run away.
Said,
“Boy if you want love, you’ll have to go and find it with someone new.”
“Do you know who you really are? Are you sure it’s really you?”
Lies are a funny thing.
They slip through your fingertips because they never happened to you.
Time wounds all the heals as we fade out of view.

Imagine I’d be your one and only
Instead I’m the lonely one

You, me and a lie.
Silence is closer.
We’re passing ships in the night.

You, me and a lie.
Silence is closer.
We’re passing ships in the night.

Into the night,
Left with nowhere to hide.

Closer and closer.
We’re crashing ships in the night

srapi.setPkey(‘252b199f1f3067f890b493eb52294b48’); srapi.setSongId(751869); srapi.run();

I Video di Soundsblog