Shaggy: “Se l’Isis ascoltasse la mia musica smetterebbero di decapitare le persone”

Parole decisamente sconvolgenti da parte dell’interprete di Mr Boombastic.

Shaggy probabilmente non ha riflettuto molto bene prima di fare queste dichiarazioni. O forse ha voluto provocare a modo suo. Resta il fatto che quello che riporta l’Indipendent è decisamente sorprendente. Ma non in accezione positiva.

Ricordate l’interprete del tormentone “Mr Boombastic”? Ebbene, in occasione di una sua intervista al Miami New Times, il cantante ha parlato anche dell’Isis. I militanti jihadisti, che si sono macchiati di sangue e morte, continuano a riversare le loro minacce verso l’Occidente. Come dimenticare, ad esempio, i recenti attacchi che hanno insanguinato lo scorso 26 giugno 2015?

Un tema delicato che terrorizza e inquieta. Shaggy, invece, ha voluto rendere noto il suo piano strategici: far ascoltare la sua musica nei campi base Isis (in qualche modo). Così, secondo il cantante, i terroristi potrebbero collegarsi alla sua musica a livello emotivo.

Se sei in grado di tagliare la testa di un uomo, là fuori, tu sei malato. Ma certamente, la musica evoca emozioni. Quindi, se loro ascoltassero la musica di Shaggy o quella reggae, non vorrebbero più andare a tagliare la testa di qualcuno”

Shaggy assicura, a sostegno della sua tesi:

“Vi garantisco, non ci saranno più guerre là fuori.”

Provocazione? Ironia incompresa? Cattivo gusto?

Via | Indipendent