Gigi d’Alessio, Malaterra: testo del nuovo singolo

Malaterra, Gigi d’Alessio pubblica il nuovo singolo che anticipa una serie di concerti live previsti per autunno 2015.

Si intitola Malaterra, il nuovo singolo di Gigi D’Alessio che anticipa l’omonimo “Malaterra Tour 2015”, una serie di concerti live che si terranno il prossimo autunno nelle principali città del mondo.

Così viene descritto il brano:

Malaterra è un brano nato dall’amore per la propria terra e dal dolore scaturito dalla trasformazione di questa stessa terra nella Terra dei Fuochi. Dapprima sembra essere l’amore per una donna ma ben presto il testo composto in lingua napoletana, svela un unico destinatario, la terra natale di D’Alessio, la Campania. Malaterra è un brano intenso, un misto tra gioia e dolore per un luogo caro ormai irriconoscibile. L’essenza del pezzo è racchiusa in una semplice frase che è allo stesso tempo una preghiera e un grido di dolore: “Primmiè murì famme sule sentì ca stu Fuoco un brucia a speranza a sti figli pe crescere”.

Il testo e la musica della canzone sono di Gigi D’Alessio e il pezzo è stato registrato negli studi “Abbey Road” di Londra con la “London Symphony Orchestra”. Gli arrangiamenti sono curati dal Maestro Adriano Pennino.

I proventi del brano saranno devoluti per i prossimi 7 anni a #CampaniaSicura e saranno utilizzati per iniziative legate al risanamento ed alla riqualificazione della Terra dei Fuochi.

[lyrics content=”

si veco a tte’…. me sbatte o’ core
e nunn’o saccio cchiu’ ferma’
pecche’si tu… tu si l’ammore
ca io trovo sulamente cca’
cu ll’uocchie apierto aggiu cercato e te sunna’
a notte o’ jurno e a sera
e te vedevo senza te pute’ tucca’
tu malaterra nera
vulesse sta sempe cca’
sule p’accarezza’
chisti viche che scenneno comm’e
capill’e na femmena
pe te vasa’
proprio comme si fusse mamma’
pe senti’ chestu sale
ca nun trovo int’a nata citta’
dimme pecche’
quanno stongo cu tte
io ritorno criature
e me sent’o calore d’int’a llanema
nun puo’ capi’
si te veco e suffri’
malaterra, si a te fanno male
io me sento e muri’
ne fatte scrivere canzone
pure a chi nun sape leggere e suna’
ne fatte nascere poete
ca tutt’o munno hanno fatto canta’
io pure quando sto luntano
songo napulitane
pecche’ so figlio e chistu mare
so malaterra e ammore
vulesse sta sempe cca’
sulamente a guarda’
quann’o sole accarezze sti case
e’ puttane s’addormeno
stu cielo cca’
nunn’o trovo int’a nata citta’
chesta luna e a cuperta
e chi o friddo nun sape scarfa’
primm’e muri’
famme sule senti’
ca stu fuoco nu brucia a speranza
a sti figli pe’ crescere
tu schiava e te
ma regina pe mme’
malaterra si lacrem’e zucchere
e io sacci’o pecche’
pure pe mme



” id=”753214″]

I Video di Soundsblog

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →