Metal e fedeltà: i metallari tradiscono meno dei jazzisti

Quali generi musicali inducono più all’infedeltà? Jazz e salsa in pole-position, il metal è per persone fedeli.

Victoria Milan è un sito per incontri extraconiugali, per gente che ama mettere le corna, ed è un sito che ama attirare l’attenzione con ricerche di mercato da titoli fantastici come “Game of Thrones è la serie tv preferita dagli infedeli” oppure “Michelle Hunziker, Belén Rodríguez e Alessia Marcuzzi sono le presentatrici TV più desiderate dagli infedeli italiani”.
Questa volta però la ricerca tocca da vicino la musica, quindi interessiamocene.

A 6.558 iscritti al sito (e quindi già fedifraghi conclamati, in cerca di avventure con altre persone sposate) è stato inviato un questionario che chiedeva se pensavano all’amante ascoltando un genere specifico di musica.
E’ venuto fuori che il 19% delle persone che ascoltano un brano jazz lo fanno pensando all’amante. Il 14% di quelli che ascoltano salsa si ricordano di qualche ballo particolarmente proibito.
Il pop arriva subito dopo, e anche il country.

Il metal? Solo il 2% delle persone che ascolta una canzone metal lo fa pensando all’amante.
Sarà perchè l’alto volume annulla i pensieri? Sarà che ci sono sempre troppo poche ragazze ai concerti metal? Sarà che si è fedeli alla musica metal tanto quanto si è fedeli alla propria partner? Sarà che per seguire il riffing selvaggio ci vuole più concentrazione che non a trovare un punto g?
Sarà che in generale i metallari sono troppo i migliori?

Qui ci sono le percentuali dell’infedeltà:

Jazz: 19%
Salsa: 14%
Pop: 13%
Country: 12%
Rap: 9%
Classical music: 8%
Blues: 6%
Reggae: 5%
Rock and roll: 5%
Electronica: 4%
Indie: 3%
Heavy metal: 2%

Il commento dell’amministratore delegato del sito:

“La musica ha la capacità di far tornare in mente alcune immagini e sensazioni a cui magari è difficile accedere con la memoria normale.
La canzone che ascolti in macchina mentre stai andando ad un incontro con l’amante, o la musica che suona mentre state consumando un rapporto, diventa molto più importante rispetto alla musica che ascolti in cuffia mentre cammini per strada.”