Raffaele Migliaccio arrestato

Il cantante italiano nei guai?

Raffaele Migliaccio è un cantante neomelodico -conosciuto come Raffaello– che ha pubblicato, nella sua carriera, otto album. Il primo l’ha rilasciato in giovanissima età, a soli 12 anni: si intitolava Figlie di strada, seguito dal secondo disco (quando ha compiuto 18 anni), Qualcosa da dirvi. II suo brano La nostra storia è stato inserito nel film Gomorra.

Nelle scorse ore, secondo quanto riportato da Agi, l’artista si troverebbe in carcere a Poggioreale per aver tentato di corrompere la polizia dopo essere stato fermato per alcuni controlli. Mentre era alla guida della sua auto, sarebbe stato fermato in via Stadera, all’angolo con via Santa Maria del Pianto. A causa di alcune infrazioni al codice, gli agenti stavano compilando un verbale. A quel punto, secondo le indiscrezioni, Migliaccio avrebbe offerto 400 euro per chiudere un occhio sull’accaduto. A peggiorare la posizione, le parole:

Non sapete chi sono io? Sono un famoso cantante neomelodico. Ma che state facendo, non avete rispetto per il successo? Io sto pieno di soldi, quando avete bisogno sono a disposizione

Tra le accuse dalle quali si deve difendere istigazione alla corruzione e possesso di hashish.

L’ultimo album di Raffaele Migliaccio risale al 2014: Il 27 gennaio dell’anno scorso ha pubblicato il primo singolo estratto del nuovo disco e in contemporanea venne annunciato il titolo Tanti amori, in uscita il 24 febbraio. L’album contiene 12 brani inediti.

Foto | Facebook

I Video di Soundsblog