Donna Summer: il ritorno snobbato all’estero

E’ notizia di fine febbraio, sbarcata solo ora dalle nostre parti, quella del ritorno della 59enne regina della disco music Donna Summer. Inutile che vi spieghi che questa donna è stata uno dei fenomeni di vendita più importanti dagli anni settanta fino alla fine degli anni ’80. Un vero mito.Il suo nuovo album, “Crayons”, prende

di aleali


E’ notizia di fine febbraio, sbarcata solo ora dalle nostre parti, quella del ritorno della 59enne regina della disco music Donna Summer. Inutile che vi spieghi che questa donna è stata uno dei fenomeni di vendita più importanti dagli anni settanta fino alla fine degli anni ’80. Un vero mito.

Il suo nuovo album, “Crayons”, prende il nome dei pennarelli: tanti colori musicali, un album di inediti che guarda con attenzione alla gioventù di questa amatissima cantante statunitense. Il suo ultimo album, “Mistaken Identity”, è uscito nel 1991, quindi sono passati qualcosa come 17 anni.

C’è da dire che la stampa estera statunitense non si è particolarmente mobilitata alla notizia del suo ritorno. Probabilmente ha ricevuto molta più attenzione dalla stampa web italiana. Non ce la siamo proprio scordata: “Love to love you baby” e “I feel love” l’hanno ascoltata tutti, anche le nuove generazioni.



Stiamo parlando di una delle artiste più famose al mondo, vincitrice di 5 Grammy, ed è entrata nella Dance Hall of Fame nel 2004. Stiamo parlando di un fenomeno, e ci si augura che dal prossimo fine maggio, data d’uscita dell’album, non si debba chiarire che quel fenomeno è già bello che tramontato.

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →