Clementino, Luna: testo del nuovo singolo

Luna, nuovo brano di Clementino che anticipa l’album Miracolo!

E’ in radio il nuovo singolo “Luna” che anticipa l’album “Miracolo!” in uscita il 28 aprile 2015. Inoltre, chi effettua il preorder di “Miracolo!” sulla piattaforma digitale di iTunes, riceverà istantaneamente tre tracce: “Lo Strano Caso di Iena White”, “Strade Superstar” e “Luna”, i primi tre brani estratti dal nuovo lavoro dell’artista napoletano.

“Luna” è prodotto da TY1 e contiene un campione del celebre brano “Kalimba De Luna”, successo degli anni ’80 di Tony Esposito. “Miracolo!”, il cui titolo si riferisce al miracolo per tutto quello che di positivo gli è successo dall’inizio della sua carriera fino a qui – spiega Clementino – sarà disponibile in due versioni, con 14 o 28 tracce.

Qui sotto il testo di Luna. Il video ufficiale che accompagna il brano uscirà nei prossimi giorni.

Clementino, Luna: testo

Notte che nasconde i colori dietro alle stelle
riempio le valigie di momenti insieme
le volte che noi ridevamo a crepapelle
pensare di nuovo al passato non conviene

domandavi se era l’amore puro
o era senza futuro
un cuore duro, una kalimba di luna per magia
Ci guidava quando il sole
se ne andava via

adesso tutto è cambiato
sei scappata lontano
colpa della fiducia
e alla fine del caso
perchè non c’era un piano
quindi noi ce ne andiamo
per due strade diverse
perchè noi ci capiamo

sento la tua voce nel silenzio
questo tuo profumo ferma il tempo
chissà se ci vedremo nello stesso posto
ricordi l’anno scorso ad agosto

sento la tua voce nel silenzio
questo tuo profumo ferma il tempo
chissà se ci vedremo nello stesso posto
ricordi l’anno scorso ad agosto

ricordo quella notte al mare
un sogno che non può tornare
e penso a quelle cose rare
che adesso vorrei sotterrare

ricordo quella notte al mare
un sogno che non può tornare
e penso a quelle cose rare
che adesso vorrei sotterrare

Kalimba de luna
un sogno tra la sabbia se ne va

Kalimba de luna
quando l’onda ci travolgerà

Kalimba de luna

Te la passo, mi guardi due tiri e già riparti
mi lasci solo in questo party
vuoi toccare il cielo? Non serve un aereo
e adesso sale un fumo denso dallo stereo
ti chiamo quando meno te lo aspetti
ti diverti
inventi
mi dici sono fatto di difetti
perfetti

ti arrendi

pubblicavi le tue foto sorridente
ti arrabbiavi quando mi vedevi assente
mi taggavi negli stati continuamente
ho cambiato già tre nomi praticamente
tutte le discoteche i murales a Londra
ti piacevano e correvamo sotto la pioggia
tornavamo in Italia c’era un sole bestiale

quella sera dovevo andare a suonare al mare
dopo il concerto sulla spiaggia

c’era la luna più bella mai vista
veniva sempre più vicino
ci addormentammo davanti a sto falò
e ci svegliammo col buongiorno delle prime luci del mattino

adesso non ci sei più ma quando ascolti sto groove
i pensieri che salgono mano a mano lassù
nella testa sento ancora un ricordo che fuma
attraverso il suono di una kalimba de luna

ricordo quella notte al mare
un sogno che non può tornare
e penso a quelle cose rare
che adesso vorrei sotterrare

ricordo quella notte al mare
un sogno che non può tornare
e penso a quelle cose rare
che adesso vorrei sotterrare

Kalimba de luna
un sogno tra la sabbia se ne va

Kalimba de luna
quando l’onda ci travolgerà
Kalimba de luna

ti chiamo quando meno te lo aspetti
ti diverti
inventi
mi dici sono fatto di difetti
perfetti

Ti arrendi

I Video di Soundsblog