Marty Friedman: “Tornare nei Megadeth sarebbe stato un passo indietro”

Il chitarrista è stato invitato alla reunion, ma ha rifiutato per integrità artistica. Gli auguri al “sostituto” Kiko Loureiro.

Lo sfogo di Nick Menza riguardo al “contratto scandaloso” che gli sarebbe stato offerto, menzionava una riunione anche con Marty Friedman, l’altro grande “ex” rimasto nei cuori dei fan.
Oggi Marty, che ha una floridissima carriera chitarristica in Giappone, ha deciso di spiegare la sua posizione riguardo all’offerta di reunion.

Prima di tutto, però, la sportività: Marty fa i complimenti a Kiko Loureiro, il nuovo chitarrista dei Megadeth.

“Penso che Kiko sia fantastico. Voglio congratularmi con lui. Auguro tutto il successo possibile alla band. Penso sia una cosa veramente fantastica, voglio ripeterlo: Complimenti, Kiko!”

Pressato sulla storia della reunion, ha poi raccontato:

“Non so niente sulla storia raccontata di Nick, non so cosa ha detto, non so niente.
Posso dirvi che, ovviamente, mi è stato offerto di tornare nei Megadeth – non solo questa volta, ma tante altre volte in passato. Ma non ho mai trovato la ragione giusta per tornare nella band.

Solo perchè c’è uno spazio libero nei Megadeth, non vuol dire che io pensi che sia giunta la mia occasione per tornare nella band. Non ho motivi per farlo. Ma sono molto, molto amico di Mustain ed Ellefson, li amo come fratelli. Quindi se mi parlano, io li ascolto. Li sostengo, auguro loro il successo, ma non vuol dire che tornerò nella band solo perchè c’è un buco libero.
Tornare nei Megadeth, e lasciando tutti i miei attuali progetti, sarebbe un grosso passo indietro. Enorme.

Io non mi lascio mai andare alla nostalgia. Parlavo prima dei grandi momenti che i Megadeth hanno avuto in Argentina, e sono una parte meravigliosa della mia storia. Ma è la storia – è sempre ora di andare avanti, senza rincorrere il passato.
Penso sia meglio che i Megadeth facciano cose nuove, e che io faccia cose nuove.”

I Video di Soundsblog