Bjork toglie Vulnicura da Spotify: “Non è per i soldi ma per rispetto”

Un’altra cantante impone che il suo ultimo disco sia eliminato dallo streaming gratuito di Spotify.

Possiamo dire che Taylor Swift ha fatto scuola.

La cantante ha imposto che i suoi dischi fossero tolti da Spotify e questa sua richiesta è stata, successivamente, al centro di pro e contro nelle settimane successive: qualcuno sosteneva la star e la sua decisione di impedire l’ascolto gratuito delle sue canzoni e chi, invece, non ha apprezzato questa scelta.

Nelle ultime ore, un’altra artista ben nota ha voluto fare la stessa cosa, togliendo il suo ultimo album, dal programma. Bjork ha fatto rimuovere Vulnicura da Spotify.

“Già un paio di mesi fa ho contattato il mio manager e gli ho detto, ‘Sai che c’è? Questa cosa dello streaming non mi sembra proprio giusto. Non so perché, ma mi appare un po’ folle”

Questioni legate alle vendite del disco che potrebbero essere compromesse? No, per lei non si tratta di interessi economici:

“Lavorare su qualcosa per due o tre anni e poi in un momento solo, ‘Oh, eccolo qui, è gratis” Non è una questione di soldi, si tratta di rispetto, rispettare la maestria e la quantità di lavoro che metti in questo”

Un’opzione alternativa per lei esisterebbe:

“Forse Netflix è un buon modello. Si va prima al cinema e dopo un po’ arriva su Netflix. Forse è la strada da percorrere con lo streaming. Prima l’uscita fisica e poi forse si può trasmetterlo in un secondo momento”

I Video di Soundsblog