Pussy Riot, I can’t Breathe: testo, traduzione e video ufficiale

I can’t Breathe, Pussy Riot nel loro primo brano in inglese. Guarda il video ufficiale su Blogo.it

Si intitola I Can’t Breathe il primo singolo in inglese delle Pussy Riot ed è apertamente dedicato a Eric Garner, un contrabbandiere di sigarette soffocato dalla polizia di New York mentre veniva arrestato a luglio 2014. Proprio la frase “I can’t breathe” (“Non riesco a respirare”) è diventato il doloroso slogan della comunità di colore contro gli eccessi delle forze dell’ordine.

Il pezzo è stato registrato da Nadya Tolokonnikova e Masha Alyokhina insieme a Nick Zinner degli Yeah Yeah Yeahs e Andrew Wyatt dei Miike Snow. Il video che accompagna il brano vede le due ragazze mentre vengono sepolte vive e ha già destato attenzione mediatica a livello mondiale.

Potete vederlo in apertura post. Qui sotto testo e traduzione:

Pussy Riot, I can’t Breathe, lyrics

He’s become his death

The spark of the riots

That’s the way he’s blessed

To stay alive

It never leads to an end

It’s never getting quiet

If it’s unfair, my friend,

Make up your mind

It’s getting dark in New York city

It’s getting dark in New York city

It’s getting tight in New York city

I need to catch my breath

You know this world of hate

You know this stubborn light

They’re in the prayers you pray

Late at night

We’re only half way down

Who dares to take a breath?

Some fairness might be found

From ashes of his death

It’s getting dark in New York city

It’s getting dark in New York city

It’s getting tight in New York city

I need to catch my breath

Get away for what?

Every time you see me, you want to mess with me.

I’m tired of it. It stops today. Why would you…?

Everyone standing here will tell you I didn’t do nothing.

I did not sell nothing. Because everytime you see me,

you want to harass me.

You want to stop me Selling cigarettes.

I’m minding my business, officer, I’m minding my business.

Please just leave me alone.

I told you the last time, please just leave me alone.

please please, don’t touch me.

Do not touch me. I can’t breathe

I can’t breathe

I can’t breathe

I can’t breathe.

I can’t breathe

I can’t breathe

I can’t breathe

I can’t breathe

I can’t breathe

Pussy Riot, I can’t Breathe:, traduzione

Lui è diventato la sua morte

La scintilla delle rivolte

Questo è il modo in cui è stato benedetto

Per rimanere in vita

Non porta a una fine

Non calerà mai il silenzio

Se è ingiusto, mio amico,

Deciditi

Si sta facendo buio a New York

Si sta facendo buio a New York

Sta diventando un clima teso nella città di New York

Ho bisogno di riprendere fiato

Conosci questo mondo di odio

Conosci questa luce persistente

Sono nelle preghiere che fai

A tarda notte

Siamo solo a metà strada

Chi osa prendere un respiro?

Certa imparzialità potrebbe essere trovata

Dalle ceneri della sua morte

Si sta facendo buio a New York

Si sta facendo buio a New York

Sta diventando un clima teso nella città di New York

Ho bisogno di riprendere fiato

Fuggire via per cosa?

Ogni volta che mi vedi, vuoi provocarmi

Sono stanco di questo. Si ferma oggi. Perché tu vorresti…?

Tutti in piedi qui ti diranno che non ho fatto niente.

Io non vendo niente. Perché ogni volta che mi vedi,

vuoi assillarmi.

Vuoi fermarmi dal vendere sigarette.

Sto pensando ai miei affari, ufficiale, sto pensando ai fatti miei.

Per favore lasciami in pace.

Te l’ho detto l’ultima volta, per favore lasciami in pace.

per favore per favore, non mi toccare.

Non mi toccare.

Non riesco a respirare

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →