Super Bowl 2015, Katy Perry esibizione Halftime: recensioni stampa [sondaggio]

Katy Perry al Super Bowl 2015: quali sono i commenti e le recensioni della stampa?

Dopo settimane di curiosità e indiscrezioni, finalmente Katy Perry si è esibita all’intervallo del Super Bowl, confermando le aspettative dei fan e le previsioni sulla scaletta prescelta per la performance. Come sottolineato a pochi minuti dalla fine della sua esibizione, Katy non ha tradito il suo stile nemmeno in questo halftime attesissimo: ingresso maestoso con leone gigante, ballerini squalo, fuochi d’artificio e il finale su una stella gigante sospesa in aria a viaggiare intorno allo stadio sotto le note di Firework. Pop allo stato puro, un pubblico partecipe che ha anche cantato la strofa di una canzone e Twitter impazzito per commentare l’esibizione di questo Super Bowl 2015.

E la stampa come avrà reagito? La critica avrà apprezzato questa colorata e fumettosa invasione di Katy? Scopriamolo insieme dando un’occhiata ad alcuni commenti e recensioni:

New York Post: Non sarà mai ricordato come un classico ma in una notte in cui, tutti gli attesissimi spot TV ruotavano attorno a temi allegri come la violenza domestica, incidenti stradali e la mortalità infantile (modo per rovinare la notte di tutti…), l’approccio “bubblegum” della ragazza della California in realtà è apparso come un momentaneo sollievo da quei temi (…) L’atto finale sembrava uscire fuori direttamente da un film Disney. Con la sua hit “Firework” del 2010 zoom attorno alla University of Phoenix Stadium, Perry è apparsa come una sorta di Mary Poppins, volando sotto una stella cadente e sembrando anche terrorizzata dal fatto che solo una cintura di sicurezza scintillante stava separandola da uno strapiombo.

The Daily Beast: E’ stato strano. E anche semplicemente favoloso. Ma Katy Perry è anche il motivo per il quale abbiamo visto Missy Elliott eseguire “Work It” nel corso di un Super Bowl Halftime Show nel 2015 e per quanto mi riguarda Katy Perry è un’eroina nazionale. (E una fantastica intrattenitrice) (…) Katy Perry ha fatto un ottimo lavoro! E’ stato un grande momento nella sua carriera. Sì, un sacco di persone stavano per odiarla. Ma quelle persone saranno sempre sul punto di odiarla, motivo per il quale è stata una decisione interessante, rischiosa e intelligente e anche stupida quella di essere la performer dell’halftime del Super Bowl 2015.

Katy Perry al Super Bowl 2015

DallasNews: Chiama l’halftime show di Katy Perry come vuoi; solo non chiamarlo “poco brillante”. La pop star 30enne ha riversato tutto quello che lei e la Pepsi potevano permettersi sul palco compresi stravaganti immagini spettacolari e un medely di canzoni da una lungimirante leggenda hip-hop. Oh, e Perry rettificato su Lenny Kravitz, mentre lui cintura “I Kissed a Girl”. La Perry ha tenuto il più grande elemento visivo per il finale. Mentre cantava dal vivo (abbastanza bene, potremmo aggiungere) i versi di “Firework”, è stata issata in aria da una stella cadente con una coda che dava vita a scintille. Mentre ha preso il volo intorno allo stadio, addobbata in un abito scintillante, i fuochi d’artificio veri e propri hanno illuminato il cielo sovrastante. L’intera performance della Perry era senza cuciture, esteticamente gradevole e ottimista – proprio quello che ci si aspetta da una pop star navigata del suo calibro.

Usa Today: Negli ultimi anni, l’evento è diventato qualcosa di meno di un concerto in versione miniatura di una cerimonia di apertura delle Olimpiadi. E su quella scala, la performance di Katy Perry è la più vicina a una medaglia d’oro. Eppure, se lo spettacolo è stato un po’ eccessivo, a volte, era anche energico e sciocco ed effervescente e felice. Ed è stato un sollievo dopo una sfilza di spot nel primo tempo costruiti intorno a padri colpevoli e bambini morti.

Los Angeles Times: La Perry, che sembrava cantare dal vivo, ha portato anche il potere reale della voce per la sua performance con un sorprendente atto di umiltà necessaria per ottenere ed essere accompagnata da un’ospite speciale, Missy Elliott. “Canta!” ha ordinato allo stadio durante la sua “California Gurls” e lo hanno fatto.

Time: Data la propensione della Perry ad acrobazie spesso noiose, l’idea di un “divertente” halftime era un dubbio. Ma la sua apertura sul dorso di un animale meccanico gigante è stata legittimamente impressionante e il suo live in una scenografia da ambiente di spiaggia, con ballerini che interpretavano palloni da spiaggia e squali, è stato molto carino.

I Video di Soundsblog