Videoclip Story: Cibo Matto – Sugar Water

In “Sugar Water” (1996) Michel Gondry mette in scena un clip “speculare”: le due cantanti giapponesi diventano complementari l’una rispetto all’altra. Gondry ha girato un unico piano sequenza in cui vediamo la prima ragazza che si alza, scrive sul vetro della finestra metà del titolo del brano (“gar” e “ter”) , si lava, compie altre

di morgan

In “Sugar Water” (1996) Michel Gondry mette in scena un clip “speculare”: le due cantanti giapponesi diventano complementari l’una rispetto all’altra.

Gondry ha girato un unico piano sequenza in cui vediamo la prima ragazza che si alza, scrive sul vetro della finestra metà del titolo del brano (“gar” e “ter”) , si lava, compie altre azioni fino a che non sale in auto ed investe la seconda ragazza a bordo del suo scooter. A questo punto il regista ci mostra le vicende della ragazza “investita”, che altro non fa che compiere a ritroso le azioni della prima (anche se invece di lavarsi con l’acqua si versa dello zucchero in testa), completando però la scritta sul vetro con le lettere mancanti (“su” e “wa”).

Il videomaker però ha voluto raddoppiare la specularità, facendo scorrere le immagini a sinistra dello schermo in maniera normale, mentre nella parte destra, parallelamente, si svolge la stessa scena a rovescio. In questo modo si “saldano” le parti mancanti (come ad esempio il titolo “Sugar Water” sul vetro) e le azioni diventano coincidenti e complementari ( quando nella metà destra la seconda ragazza imbuca la lettera, la prima ragazza la riceve nella metà sinistra e viceversa).