Pino Daniele: Sud scaveme ‘a fossa, voglio murì cu’ te (testo e video)

Pino Daniele ha lasciato una ricca eredità di canzoni, ma spuntano ora brani mai pubblicati ma eseguiti live nei primi anni ’80.

Un Pino Daniele inedito canta “Sud scaveme ‘a fossa, voglio murì cu’ te”: la canzone, mai pubblicata, ma eseguita live al Palasport il 12 gennaio 1983 (data desunta dal fatto che in apertura di clip Daniele ricorda che è il compleanno di Joe Amoruso). La clip audio è disponibile da tempo su Youtube, ma solo in questi giorni è ‘balzata’ gli onori delle cronache, collegata al testo recuperato dal critico musicale de Il Mattino, Federico Vacalebre, nei suoi archivi e pubblicata online nel giorno dei funerali del cantante.

Il brano è stato interpretato quasi come un ‘testamento’ di Pino Daniele. Ma nella versione registrata al Palasport il testo è appena accennato e anche molto diverso.
Le strofe, a orecchio, sembrano recitare così. Ma chiediamo l’aiuto anche di altre orecchie…

Sud, scavame ‘a fossa,
voglio muri’ cu’ te
pe’ me dint’ all’ossa
solo sud

 

Sud, scavame ‘a fossa,
voglio muri’ cu’ te
pe’ me dint’ all’ossa
solo solo solo
famme capi’
Si so’ strunz’
afor’ a cca’

 

Sud, scavame ‘a fossa,
voglio muri’ pe’ te
pe’ me dint’ all’ossa
solo solo solo
famme capi’
..

Sentirla nel contesto dei primi anni ’80 e della sua prima produzione e in quella jam session live – con Tullio De Piscopo, Mel Collins, Joe Amoruso, Jeremy Meek, Tony Esposito e Karl Potter – sembra avere decisamente altre sfumature da quella ora ‘tràdita’ e dal testo letto a mo’ di poesia da Lina Sastri a Porta a Porta. In apertura l’audio di quella unica esibizione di questo brano, o almeno di una sua versione in fieri, che poi Pino Daniele non ha mai inciso. E vale la pena ascoltarla.

Sud scaveme ‘a fossa, voglio murì cu’ te | Testo

Sud, scavame ‘a fossa,
voglio muri’ cu te
Mmiez’ ‘e penziere d’ ‘a gente
dint’ ‘a chest’aria ‘e turmiente.

 

Sud, scavame ‘a fossa,
oglio muri’ cu te…
‘Ncopp’ ‘o presepio a Natale,
dint’ a ‘nu cuopp’ ‘e giurnale.

 

E ogge, ca i’ passo ‘a ‘nu munno a n’ato,
a me mme pare quase tutt’ ‘o stesso.

‘E mamme, ‘e figlie, ‘e viecchie, ‘e mariuole,
si stanno a Sud
fanno cchiù rummore.

 

Nuje nun simmo mangiaspaghetti,
nuje nun simmo né terrone e né fasciste:
nuje ch’ammo jettato ‘o sanghe
int’a sta Storia,
partimmo pe’ turna’
addo’ simmo nate.

Partimmo, pe’ gghì a truva’
chello ch’ammo lassato.

 

Ma pecché?
Sud, scavame ‘a fossa,
voglio muri’ cu te!

Sud scaveme ‘a fossa, voglio murì cu’ te | Traduzione

Pino_Daniele

Sud, scavami la fossa
voglio morire con te
tra i pensieri della gente
in quest’aria da tormenta.
Sud, scavami la fossa
voglio morire con te
sul presepe a Natale
in un cartoccio di fogli di giornale.

 

E oggi che passo da un mondo all’altro
mi sembra quasi non cambi nulla.
Le mamme, i figli, i vecchi, i ladri
se sono del Sud fanno più rumore.
Non non siamo mangiaspaghetti,
Non siamo né terroni né fascisti
noi che abbiamo buttato il sangue
in questa Storia
partiamo per tornare
dove siamo nati.
Partiamo per trovare
quel che abbiamo lasciato.
Ma perché?
Sud, scavami la fossa
voglio morire con te.