Pino Daniele: mercoledì 7 gennaio, i funerali a Roma e Napoli

I funerali si terranno al Santuario del Divino Amore.

È stato annunciato oggi, 6 Gennaio 2015, lo spostamento della funzione dedicata a Pino Daniele nella città di Napoli: dall’originaria Basilica di Santa Chiara si è deciso di celebrare la messa funebre per il cantautore nella più ampia Basilica di San Francesco da Paola, per permettere l’afflusso di molte più persone rispetto alla più piccola scelta all’inizio.

Il funerale di Pino Daniele a Napoli si terrà mercoledì 7 Gennaio a partire dalle ore 19.00 nella Basilica di San Francesco da Paola in Piazza del Plebiscito, la stessa piazza dove la sera della Befana si è tenuto il flash mob dei fan che hanno cantato alcune delle sue canzoni più belle.

Pino Daniele: mercoledì 7 gennaio, i funerali a Roma

I funerali di Pino Daniele, il cantautore napoletano morto improvvisamente nella notte tra il 4 e il 5 gennaio a causa di un infarto, si terranno mercoledì 7 gennaio a Roma alle ore 12, al Santuario del Divino Amore.

La decisione di celebrare i funerali a Roma è stata comunicata da Padre Renzo, sacerdote amico della famiglia Daniele che ovviamente celebrerà la messa. Queste sono le dichiarazioni che Padre Renzo ha rilasciato fuori dall’obitorio dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma:

E’ stato scelto il Santuario perché è molto grande e può accogliere numerose persone. Conoscevo Pino Daniele da tempo, ho anche sposato il figlio.

Questo, invece, è il comunicato ufficiale:

I funerali di PINO DANIELE, tragicamente scomparso nella tarda serata di ieri (domenica 4 gennaio), saranno celebrati mercoledì 7 gennaio a Roma, alle ore 12.00 presso il Santuario della Madonna del Divino Amore a Castel di Leva (via del Santuario 10, Roma – nei pressi di via Ardeatina). I funerali saranno celebrati in forma pubblica.
La famiglia dell’artista ringrazia per il calore ricevuto da ogni parte in queste ore di dolore.

La decisione di celebrare i funerali a Roma, e non a Napoli, non è stata condivisa da molti sostenitori del cantante. Le polemiche, ovviamente, sono ben visibili sui social network: c’è chi parla di mancanza di rispetto, ingenerosità, sdegno o semplicemente di decisione incomprensibile. Se la famiglia dell’artista napoletano, però, ha optato per questa soluzione, non è il caso di dare adito a polemiche anche se, ovviamente, esternare il proprio dispiacere è una reazione naturale.

Uno dei dottori dell’ospedale Sant’Eugenio di Roma, inoltre, ha dichiarato che il cantante, subito dopo i funerali, sarà sepolto probabilmente in Toscana (Pino Daniele ha avvertito il malore proprio nella sua casa in Toscana, precisamente in Maremma, in un podere tra le campagne nei comuni di Magliano e Orbetello, in provincia di Grosseto).

A Napoli, oggi le bandiere sono state esposte a mezz’asta, precisamente a Palazzo San Giacomo, sede del comune, e in via Verdi, sede del palazzo del Consiglio Comunale, ed è già stato proclamato il lutto cittadino per il giorno del funerale, mercoledì 7 gennaio. Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, aveva manifestato il desiderio di allestire la camera ardente nelle sale del Maschio Angioino.

Foto | © Getty Images