Ian McLagan è morto: addio al tastierista degli Small Faces

Il musicista è morto a 69 anni ad Austin, in Texas, per un infarto improvviso.

È morto Ian McLagan, il tastierista degli Small Faces, gruppo che ha conosciuto la massima fama con questo nome nella seconda metà degli anni Sessanta: il musicista è scomparso il 3 Dicembre 2014 a 69 anni per colpa di un infarto improvviso che lo ha colto ad Austin, in Texas, dove risiedeva dal 1994.

Ian McLagan entrò a far parte degli Small Faces nel 1965 e continuò a suonare con la band anche dopo il cambio di nome in Faces, avvenuto nel 1969; fu questo il periodo in cui nella band, oltre a McLagan, entrarono a farvi parte anche Rod Stewart e Ronnie Wood dei Rolling Stones. Nel 1975, dopo dieci anni di carriera, i Faces annunciarono lo scioglimento e Ian McLagan, che ne era stato il tastierista, iniziò a lavorare come session man delle registrazioni in studio, suonando praticamente con tutti i grandi della musica internazionale a partire da Bob Dylan e Bruce Springsteen fino a Jackson Browne, Joe Cocker, Chuck Berry, Bonnie Raitt e Frank Black.

Tra le ultime collaborazioni di Ian McLagan figurava quella con il cantautore Billy Bragg, che ha ricordato il collega scomparso con un affettuoso messaggio via Twitter.

Come ha scritto Billy Bragg nel suo lungo ricordo di Ian McLagan, il trasferimento del musicista ad Austin nel 1994 poteva significare solo una cosa: l’amore per la musica suonata dal vivo, il divertimento di esibirsi senza troppi fronzoli.

Austin è una città dove puoi suonare in un bar diverso ogni sera, se vuoi, e Mac si è subito distinto per essere uno dei membri più amati e rispettati dell’intera comunità musicale della città.

Via | Guardian

I Video di Blogo

Alessandro Cattelan, Ce la faremo