Bussoletti: Piango da uomo è il suo nuovo singolo

Il testo e il video del nuovo singolo del cantautore romano.

Piango da uomo è il nuovo singolo di Luca Bussoletti, noto anche semplicemente come Bussoletti, cantautore romano di 37 anni, che quest’estate si è fatto notare con il tormentone estivo Come scemi, canzone scelta per la campagna pubblicitaria di un noto gelato.

Bussoletti, attivo nel mondo della discografia da dieci anni, ha spiegato il significato di questo brano con le seguenti dichiarazioni:

Perdere le audiocassette e poi l’Amiga con tutti i suoi floppy. La vita è davvero dura e non è possibile reggere anche l’urto di una separazione sentimentale. L’amore al tempo dei Nerd, l’amore che passa attraverso gli oggetti della vita vissuta. Piango da uomo è una lettera aperta di scuse ma è anche una confessione di una generazione di outsider che sono stati costretti ad abbandonare i loro videogiochi preferiti per diventare grandi. È una canzone sulla fragilità di chi dovrebbe essere forte e sulla forza di chi dovrebbe essere fragile. È un bollettino di guerra tra esplosioni di sentimenti e mitragliate.

Piango da uomo ha conquistato la classifica dei singoli di iTunes. Di seguito, potete trovare il testo della canzone.

Bussoletti – Piango da uomo | Testo

Piango da uomo
quindi ufficialmente io non piango mai
colpa mia che di nuovo
ho buttato via questa vita addosso su noi

Sì, anch’io ho i miei limiti
mi ferisce in porta lì.

Alzo la voce
perché non so alzarci sopra questa città.
Non è mia la sua croce,
ma alcuni chiodi sì in tutta onestà.

Qui, ho tutti i miei alibi
ti dispiace distruggerli?

Ti prego scusami
non posso perderti
com’è successo con le audiocassette
ti prego aspettami
non voglio perderti
è già successo con l’Amiga e i suoi floppy.

Piango da uomo
e quando litighiamo mostro il peggio di me
è che non mi trovo
con chi fa colazione leggendo lo share.

Sì anch’io ho i miei spigoli
lì si vede dai tuoi lividi.

Ti prego scusami
non posso perderti
com’è successo con le audiocassette.
ti prego aspettami
non voglio perderti
è già successo con l’Amiga e i suoi floppy.

Uno, due, tre
conta prima di parlare
quattro, cinque, sei
conta solo il tuo amore
sei ho solo te
perché mai ti faccio male
mi sotterrerei
inciampo nello stesso errore.

Ti prego scusami
non posso perderti
com’è successo con le audiocassette.
ti prego aspettami
non voglio perderti
è già successo con l’Amiga e i suoi floppy.

Io sono un uomo
e quindi un concentrato di stupidità.

I Video di Blogo

Ghost, Vivi e lascia vivere – Vivimix