Carlo Conti cantante nel 1985: ecco Through the night (Audio)

Carlo Conti ha uno scheletro nell’armadio. E noi l’abbiamo trovato.

di grazias

Carlo Conti, l’uomo chiamato Auditel, ha uno scheletro nell’armadio. E noi, grazie all’impareggiabile sito Orrorea33giri, l’abbiamo scoperto. Oggi il Re Mida dello share ha appena concluso l’ultima edizione di Tale e Quale Show con ascolti, tanto per cambiare, da record e ora si prepara a guidare il prossimo Festival di Sanremo. Ma un tempo, la musica era ben diversa. Ed era ben diversa soprattutto perché…la faceva lui!

Che ci crediate o meno, come dimostra la foto qui sopra, abbiamo le prove. Carlo Conti nel 1985 ha sfornato un disco, o meglio una canzone, dal titolo Through The Night con il tragicomico nome d’arte di Konty. Il brano che, ne siamo sicuri, non partecipò al Festival di quell’anno solo perché in lingua inglese, potete ascoltarlo, se avete coraggio, nel video che trovate in apertura.

La notizia non è nuova, lo sappiamo, anzi è di una trentina di anni fa. Ma l’abbiamo appena scoperta e non potevamo assolutamente tenervene all’oscuro. Poi ci sono le chicche. Il pezzo di Conti (cioè, perdonateci: Konty) fu prodotto dalla Discomagic Records e arrangiato da Fabrizio Federighi, già papà di Professor of Percussions di Ilona Staller in arte Cicciolina.

A onor del vero, non è chiaro se la voce che possiamo sentire nel brano sia davvero quella del valente dj Konty o di un vocalist scelto appositamente per generare una hit trash di tutto rispetto. Ma è pur sempre bellissimo sognare, non trovate? Anche perché le sorprese non finiscono certo qui…

Ciliegina sulla torta in questo abisso è l’imperdibile errore di stampa sul disco stesso: se in copertina il titolo del brano è scritto come si deve, sul vinile compare un improbabile Introught The Night.

Ragazzi, non so voi, ma noi abbiamo appena raggiunto l’estasi mistica.