Cat Stevens cancella il concerto a New York: biglietti troppo cari

A Cat Stevens (aka Yusuf) non piacciono i bagarini. E nemmeno l’aumento illegale dei prezzi dei biglietti per i suoi concerti.

di grazias

Cat Stevens (aka Yusuf) ha cancellato la data di un suo concerto newyorkese prevista per il 7 dicembre prossimo al Beacon Theatre. L’ha fatto per protesta contro i prezzi dei biglietti, considerati eccessivi soprattutto perché le modalità di vendita avrebbero avvantaggiato l’attività illegale dei bagarini. Onore a lui, ma vediamo di spiegarvi meglio le motivazioni della sua scelta. Anzi, il cantautore le ha perfettamente chiarite tramite una nota pubblicata sul suo sito ufficiale.

Sfortunatamente non mi esibirò a New York questa volta, ma non vedo l’ora di suonare a Philadelphia il 4 dicembre prossimo e spero di poter tornare presto a New York per una nuova data. I miei fan capiranno e li ringrazio per avermi informato del vero e proprio strozzinaggio messo in atto sul prezzo dei biglietti già disponibili su alcuni siti. Da lungo tempo sono a favore dei biglietti digitali, proprio perché questi contribuiscono ad eliminare il fenomeno dei bagarini.

Purtroppo a New York vige una legge per cui tutti i biglietti venduti per concerti ed eventi devono essere cartacei, rendendo così possibile il rischio che vengano venduti a prezzi molto più alti del previsto. Mi dispiace molto di non poter suonare a New York ma spero di trovare una seconda occasione che collida maggiormente con questa mia visione in un prossimo futuro, a Dio piacendo. Sembra che il Peace Train arriverà a New York con un po’ di ritardo rispetto al previsto.

Nel frattempo sulla sua pagina Facebook, Yusuf/Cat Stevens ha voluto pubblicare una vecchia intervista del 1974 in cui già si schierava contro i bagarini e i prezzi gonfiati per i biglietti dei suoi concerti. Questa la frase più significativa:

Ero così arrabbiato che ad un certo punto pensai seriamente di comprare tutti i biglietti rimasti e di distribuirli da solo ai miei fedeli fan.

Detto ciò, speriamo che non si verifichino problemi di questo tipo alla vigilia dell’imminente data italiana di Stevens, prevista per il prossimo 11 novembre al Forum di Assago. Il concerto farà parte del Peace Train…late again tour, una serie di date europee ed americane in promozione del nuovo disco, Tell ‘em I’m gone, la cui uscita è prevista per il 27 ottobre 2014.