Louis Tomlinson: “All’inizio essere con i One Direction è stato qualcosa di difficile da digerire”

Il membro della boyband parla a ruota libera dell’inizio della sua carriera. E dei suoi piani modificati…

Sicuramente i fan sono a conoscenza del modo in cui sono stati formati i One Direction. Eh sì, perché a mettere insieme le cinque voci, sono stati i giudici di X Factor. I ragazzi che adesso fanno parte della boyband dei record, inizialmente, erano aspiranti solisti. Singolarmente però non funzionavano abbastanza ed ecco la decisione di unirli per farli partecipare nella sezione “gruppi”. Non vinsero ma il resto è storia.

Eppure, nonostante questa sorta di favola 2.0, c’è qualcuno che inizialmente non ha gradito l’idea di essere messo in team con altri ragazzi sconosciuti. E parliamo di Louis Tomlinson. Lo ha confessato nell’autobiografia del gruppo, Who We Are:

“Sono il tipo di persona che ama essere al centro dell’attenzione. Per tutto X Factor non ho avuto un assolo e , per me, è stata una pillola difficile da digerire”

Se adesso il successo è sotto gli occhi di tutti, all’inizio, soprattutto durante la promozione del loro disco d’esordio, Louis non si sentiva affatto a proprio agio. Anzi.

“Ero felice, ma allo stesso tempo, non riuscivo a capire perché fossi nella band. E ‘stato davvero brutta, quella sensazione di non avere uno scopo, di essere solo lì per un lungo viaggio”

Pensieri comprensibili, in parte, soprattutto se fanno parte di un giovane ragazzo che sogna di fare il cantante e rischia di sentirsi imprigionato nel suo stesso sogno. Ma col tempo, la scelta di resistere e accertarsi del viaggio che stava intraprendendo, ha sicuramente ripagato. Milioni di dollari a testa, in questo caso.