Friends compie 20 anni: la sigla I’ll be There For You dei Rembrandts

A vent’anni dalla prima messa in onda della celebre sitcom degli anni Novanta vale la pena ricordare quel battito di mani che ha segnato l’immaginario collettivo dal 1994 in poi.

Il 22 Settembre 1994 la statunitense NBC mandò in onda il pilot di una nuova serie tv: protagonisti sei ragazzi attorno ai trent’anni che incarnavano alla perfezione le storie dei personaggi di quegli anni, sei amici che tra di loro si chiamavano semplicemente Friends. Rachel, Ross, Monica, Chandler, Joey e Phoebe sono entrati definitivamente nelle nostre vite e nella cultura televisiva delle serie tv, segnando un caposaldo che nessun’altra serie ha potuto abbattere.

E altrettanto si è imposta nell’immaginario collettivo la celebre sigla introduttiva dello show: I’ll Be There For You, scritta dal duo indie californiano dei The Rembrandts assieme agli autori della sitcom Marta Kauffman e David Crane, schizzò immediatamente in cima alla classifica americana di Billboard dove stazionò per ben due mesi al momento della promozione come singolo. So no one told you life was gonna be this way: con un ritmo da rock’n’roll leggero dal sapore pop, un battito di mani brevissimo e un ritornello che più catchy non si poteva, la canzone oltrepassò la fama di Friends per conquistarne una propria, sia in positivo sia in negativo (fu inserita nella top 500 delle peggiori canzoni di sempre con un buon piazzamento in classifica).

A vent’anni dall’inizio e a dieci dalla fine della serie, mentre parte del cast ha optato per una breve reunion al femminile giusto poco tempo fa, non si è saputo più niente dei The Rembrandts: il duo composto da Phil Solem e Danny Wilde si è sciolto nel 1997, travolto dall’eccessivo successo del brano che li ha catapultati dal mondo indie alle fauci della musica mainstream. Da allora solo scrittura di brani per altri artisti, qualche greatest hits di carriera e i diritti del brano, anche se hanno confessato in un’intervista di dieci anni fa di non averne mai ricevuto royalties, solo i passaggi in tv (tuttora frequenti).

Ora è parte della cultura pop e ci sono momenti in cui sono davvero orgoglioso di questo brano. In un periodo in cui le band cercando di promuoversi continuamente via tv o cinema o qual che è, ciò che è successo a noi non sembra così straordinario.

The Rembrandts, I’ll Be There For You: lyrics della sigla di Friends

So no one told you life was gonna be this way
Your job’s a joke, you’re broke, your love life’s D O A
It’s like you’re always stuck in second gear
When it hasn’t been your day, your week
Your month or even your year but

I’ll be there for you
(When the rain starts to pour)
I’ll be there for you
(Like I’ve been there before)
I’ll be there for you
(‘Cause you’re there for me too)

You’re still in bed at ten and work began at eight
You’ve burned your breakfast so far things are going great
Your mother warned you there’d be days like these
But she didn’t tell you when the world
Has brought you down to your knees that

I’ll be there for you
(When the rain starts to pour)
I’ll be there for you
(Like I’ve been there before)
I’ll be there for you
(‘Cause you’re there for me too)

No one could ever know me, no one could ever see me
Since you’re the only one who knows what it’s like to be me
Someone to face the day with, make it through all the rest with
Someone I’ll always laugh with
Even at my worst, I’m best with you, yeah

It’s like you’re always stuck in second gear
When it hasn’t been your day, your week
Your month, or even your year

I’ll be there for you
(When the rain starts to pour)
I’ll be there for you
(Like I’ve been there before)
I’ll be there for you
(‘Cause you’re there for me too)

I’ll be there for you
(When the rain starts to pour)
I’ll be there for you
(Like I’ve been there before)
I’ll be there for you
(‘Cause you’re there for me too)

The Rembrandts, I’ll Be There For You: traduzione

quindi nessuno ti ha detto che la vita sarebbe andata così
il tuo lavoro è uno scherzo, la tua vita amorosa è clinicamente morta
è come se stessi sempre con la seconda marcia
quando non è stato il tuo giorno, la tua settimana
il tuo mese o nemmeno il tuo anno ma

sarò lì per te
(quando la pioggia comincerà a cadere)
sarò lì per te
(come non sono mai stato lì)
sarò lì per te
(perché sarai lì per me anche tu)

sei ancora a letto alle 10 e il lavoro iniziava alle otto
hai bruciato la tua colazione, le cose vanno benissimo
tua madre ti aveva avvertito che ci sarebbero stati giorni come questi
ma non ti aveva detto quando il mondo
ti avrebbe messo in ginocchio, quindi

sarò lì per te
(quando la pioggia comincerà a cadere)
sarò lì per te
(come non sono mai stato lì)
sarò lì per te
(perché sarai lì per me anche tu)

nessuno potrà conoscermi, nessuno potrà vedermi
visto che sei l’unico che sa cosa sia essere me
qualcuno con cui affrontare il giorno, con cui farlo finire
qualcuno con cui rido sempre
anche nel mio momento peggiore, con te sono il meglio, sì

è come se stessi sempre con la seconda marcia
quando non è stato il tuo giorno, la tua settimana
il tuo mese o nemmeno il tuo anno ma

sarò lì per te
(quando la pioggia comincerà a cadere)
sarò lì per te
(come non sono mai stato lì)
sarò lì per te
(perché sarai lì per me anche tu)

sarò lì per te
(quando la pioggia comincerà a cadere)
sarò lì per te
(come non sono mai stato lì)
sarò lì per te
(perché sarai lì per me anche tu)

Citazione via | Independent