Amy Lee, Aftermath è il primo disco da solista (Tracklist e cover)

La cantante degli Evanescence vuole fare carriera in solitaria.

di grazias

Avevamo imparato a conoscerla insieme agli Evanescence, il gruppo portato alla fama mondiale grazie al brano Bring me to life e al successo dell’intero disco da cui quella canzone fu estratta, Fallen. Going Under, My Immortal, Everybody’s Fool e via dicendo, Amy è stata la voce di numerose hit che fecero la gioia di tutti gli emo ante litteram dei tempi, me compresa. Dopo l’esordio, però, le cose si sono complicate per il gruppo. Call me when you are sober e Lithium sono le uniche due canzoni di loro conio che riesco a ricordare senza googlare, per capirci. E sarà pure un problema mio, ma è innegabile che i dischi successivi non abbiano fatto il botto del primo. Ora Amy Lee, mamma da poco, è pronta all’esordio da solista con un nuovo album, Aftermath, uscito giusto ieri, 26 agosto 2014.

L’album fa da colonna sonora al film War Story, disponibile dal 30 luglio nelle sale americane. Per realizzare le tracce, Amy si è avvalsa della collaborazione di Dave Eggar, violoncellista che ha già lavorato in passato con artisti del calibro di Cher, Bon Jovi e Fall Out Boy. Nonché con gli stessi Evanescence. Intervistata da Rolling Stone, Amy ha voluto fare il punto della situazione sull’eventuale futuro della band che l’ha portata al successo:

Non mi piace fare previsioni perché sono sempre pronta a tutto e non potrei mai dire “È finita”, chissà cosa potrà accadere ancora. Gli Evanescence sono una parte molto importante della mia carriera e ho amato ogni secondo della mia permanenza nella band. Non vorrei mai buttare via tutto come se non fosse mai successo nulla. Quello che so oggi è che non abbiamo progetti per un ritorno sulle scene in un imminente futuro. Per me ora è molto importante prendermi del tempo per mostrare altri lati artistici di me stessa.

E se siete curiosi di sapere come suona la nuova Amy Lee, in apertura trovate una traccia rilasciata in anteprima da Aftermath, Push the button. Qui di seguito, invece, la tracklist del disco e la sua cover ufficiale. Cosa ne pensate?

Amy Lee – Aftermath

Schermata 2014-08-27 alle 14.26.06
1. “Push The Button”
2. “White Out” (featuring Dave Eggar)
3. “Remember to Breathe” (featuring Dave Eggar)
4. “Dark Water” (featuring Malika Zarra)
5. “Between Worlds” (featuring Dave Eggar)
6. “Drifter” (featuring Dave Eggar)
7. “Can’t Stop What’s Coming” (featuring Dave Eggar)
8. “Voice In My Head” (featuring Dave Eggar)
9. “Lockdown” (featuring Dave Eggar)
10. “After” (featuring Dave Eggar)

I Video di Soundsblog

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →