Mariah Carey, You Don’t Know What To Do: ironia sul web tra cover e photoshop

Nuovo singolo per la cantante ma… la copertina grida vendetta!

Los Angeles, 20 giugno 2014. Interno ufficio. Collega 1: “Oh, hai finito la cover per You Don’t Know What To Do?” Collega 2, posando il caffè sulla scrivania e sbarrando gli occhi: “Ecco cosa dovevo fare oggi! Aspetta un attimo… forse così risolvo e non se ne accorge nessuno…”

Io immagino questo come scambio di battute inventato tra due grafici che hanno il compito di gestire la cover per il nuovo singolo di Mariah Carey. Io voglio pensarla così, credere che sia qualcosa dovuto alla fretta o a un occhio poco attento. O forse è stato fatto apposta. Volutamente. Perché ci deve essere una spiegazione alla testa di Mariah Carey spostata, curva di qualche grado, incollata sul corpo utilizzato per la cover di Me. I Am Mariah… The Elusive Chanteuse.

Subito dopo essere apparsa sul web, la copertina è stata presa di mira da battutine divertite e reazioni tra la sorpresa e l’indignazione per la poca cura che sta accompagnando questo ultimo lavoro (confermato dalle poche vendite attuali del disco). E il tutto è arrivato, ovviamente, agli occhi della diretta protagonista di questa vicenda. E la Carey, prima ha specificato di non aver scelto lei questa immagine, e poi, forse per sdrammatizzare, ha chiesto ai fan di mandarle via Twitter qualche copertina alternativa perché… “at this point I Don’t Know What To Do”, citando apertamente il pezzo. E i suoi followers hanno accettato di buon grado l’iniziativa, iniziando a mandarle diverse opzioni alternative. Anche lo stesso titolo scritto a penna su un foglio bianco sarebbe stato almeno “diverso” da quella apparsa in rete.

In tutto questo io sto immaginando, nell’ipotesi iniziale, la persona che ha ideato questa cover mentre cerca di spiegare alla signora Carey che è stato un errore sicuramente gravissimo ma che è certo di poter rimed…

silencio

I Video di Soundsblog