Enrico Ruggeri si dà alle cover dei brani di Natale

Anche se manca ancora più di un mese sono sicura siate già in ansia per i regali di Natale, soprattutto perchè quasi certamente non saprete cosa comprare, magari a quel vostro amico rocchettaro che tanto ama il buon rock made in Italy. Ecco servita per tutti voi, vittime delle strenne, una soluzione pronta da riciclare.

di midori

Anche se manca ancora più di un mese sono sicura siate già in ansia per i regali di Natale, soprattutto perchè quasi certamente non saprete cosa comprare, magari a quel vostro amico rocchettaro che tanto ama il buon rock made in Italy. Ecco servita per tutti voi, vittime delle strenne, una soluzione pronta da riciclare.

Uscirà infatti il prossimo 30 novembre “Regalo di Natale” (Anyway / Universal), la sorpresa sotto l’albero di Enrico Ruggeri in attesa dell’uscita dell’album (inedito) vero e proprio. Un regalo piuttosto particolare quello del musicista milanese che consiste in una rilettura in chiave punk rock di celebri canzoni natalizie, come White Christmas o il tormentone Jingle Bells.

Non mancano anche degli inediti all’interno di questo disco che segna una sorta di ritorno alle origini per il cantante, che infatti esordì proprio nel 1978 nei Decibel, storica band punk-new wave milanese. Ad accompagnarlo in questa sortita estemporanea è l’ottima Andrea Mirò, cantautrice compagna di palco e di vita e Luigi Schiavone, chitarrista di Ruggeri fin dagli Anni Ottanta.

“Avevo in mente questo progetto da almeno 15 anni. Il Natale è l’unica festa capace ancora di commuovermi. Mi riporta all’infanzia, a persone, colori e sapori che non ci sono più, c’è la voglia di riproporre ai miei figli quello scenario che per me fu così importante e formativo”.

Per gli incontentabili che non si lasceranno saziare da questo contentino non resta comunque che aspettare la tarda primavera del 2008, periodo in cui è prevista la pubblicazione del suo nuovo disco.

I Video di Soundsblog

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →