Gigolò per caso, Vanessa Paradis canta Tu sì ‘na cosa grande di Domenico Modugno

Gigolò per caso: nel nuovo film di John Turturro con Woody Allen c’è anche Vanessa Paradis che, per l’occasione, canta un celebre brano di Domenico Modugno nella colonna sonora della pellicola…

di grazias

Tra Pasqua e Pasquetta molti di voi avranno approfittato del weekend lungo per strafogarsi di uova di cioccolato come da tradizione e per fare un salto al cinema. In questi giorni, in sala ci attendono pellicole per tutti i gusti ma, tra una commedia di qua e un horror di là, spicca il nuovo film di John Turturro, Gigolò per caso, che nel cast vanta la partecipazione di Woody Allen e Vanessa Paradis.

Proprio l’attrice, che interpreta il ruolo di Avigal, malinconica vedova di un rabbino con sei figli a carico, dà voce anche ad un brano inserito nella colonna sonora di questo piccolo grande gioiellino cinematografico. Una versione dell’immortale brano Tu sì ‘na cosa grande di Domenico Modugno, da lei cantato in lingua originale. In apertura trovate l’audio del pezzo, reinterpretato dall’ex compagna di Johnny Depp.

Per quanto riguarda la trama del film, stando ben lontani da spoiler di qualsiasi tipo, possiamo dirvi che John Torturro, regista e protagonista della pellicola, interpreta Fioravante, gentile factotum che grazie ad un’idea dell’amico Murray (Woody Allen), decide di cominciare ad intraprendere la “professione” di gigolò. Tra Sharon Stone e Sofia Vergara, Fioravante incontrerà anche la già citata Avigal (Vanessa Paradis) e niente sarà più come prima.

Ora non vi rimane che andare al cinema o, in alternativa, cominciare ad entrare nelle atmosfere del film, sempre in bilico tra commedia e poesia, cliccando play sul video in cima al post. Qui di seguito, vi riporto invece il testo di Tu sì ‘na cosa grande:

Tu si na cosa grande – Testo

Tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca me fa nnammura’
‘na cosa ca si tu guard”a mme
je me ne moro accussi’
guardanno a tte
vurria sape’ ‘na cosa da te
pecche’ quanno i’ te guardo accussi’
si pure tu te siente ‘e muri’
nun m”o ddice
e nun m”o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande…

si pure tu te siente ‘e muri’
nun m”o ddice
e nun m”o faje capi’, ma pecche’.
e dillo ‘na vota sola
si pure tu staje tremmanno
dillo ca me vuoi bene
comm’io, comm’io,
comm’io voglio bene a tte…
tu si’ ‘na cosa grande pe’ mme
‘na cosa ca tu stessa nun saje
‘na cosa ca nun aggio avuto maje
nu bene accussi’, accussi’ grande
accussi’ grande,
accussi’ grande