Madonna e gli Mp3 piratati con la sua voce: “Che cosa ca**o credi di fare?” Era il 13 aprile 2003

La cantante aveva deciso di rispondere in prima persona al leak del suo album American Life

Era il 2003, American Life di Madonna sarebbe stato rilasciato ufficialmente il 22 aprile di quell’anno ma sul web iniziavano già a circolare alcuni file leakkati delle sue canzoni inedite. Un duro colpo per la cantante che decise, insieme al suo staff, di fare una mossa decisamente particolare per contrastare i download illegale.

Creò una serie di file mp3 finti, con una lunghezza verosimile all’originale e con i titoli dei brani cercati dagli utenti che volevano scaricare i suoi pezzi prima della pubblicazione del disco. Una volta ascoltato e ottenuto, quando cliccavano su play, le persone avrebbero ascoltato la voce della cantante che diceva “”What the f*ck do you think you’re doing?”, tradotto in un “Cosa ca*zo credi di fare?” e il resto del brano era silenzioso, senza alcuna musica.

Fu un tentativo per confondere il pubblico e impedire che i veri file illegali fossero ottenuti con semplicità. E, allo stesso tempo, un richiamo ufficiale da parte della stessa artista. La sua azione, però, provocò una reazione altrettanto curiosa. Poco dopo il sito di Madonna fu hackerato e apparve una scritta di risposta esplicita, con la sfida accettata e una vera e propria provocazione:

“This is what the f*ck I think I’m doing”

Questo è quello che caz*o penso di fare. Accanto alla scritta, una serie di link per scaricare ogni singolo brano, illegalmente, del nuovo album di Miss Ciccone. Il sito Madonna.com rimase chiuso, successivamente, per ben 15 ore.

Ultime notizie su Madonna

Tutto su Madonna →