Le più belle colonne sonore di sempre: la lista di Soundsblog

Non solo brani portanti, ma veri e propri cd di musiche incredibili che spesso ottengono più fama del film stesso in cui sono contenute: la selezione della redazione di Soundsblog.

Quanto conta la musica in un film? Tantissimo, a giudicare da come i momenti portanti siano spesso sottolineati da canzoni che si stampano in testa assieme alla scena del film in questione. Non si può prescindere: un grande film è spesso supportato da una grande musica e da una colonna sonora che contribuisce a tenere alto l’interesse per la storia nella sceneggiatura, fino a diventarne quasi parte integrante nel migliore dei casi.

Le più belle colonne sonore sono in grado di essere dei veri e propri successi a sé, accrescendo la fama del film che a sua volta ne sottolinea l’importanza: si nutrono a vicenda, in pratica. Spesso alcuni brani diventano incredibilmente legati ad un personaggio: come dimenticare la Marcia Imperiale di Star Wars per Darth Vader, o l’aria sognante di Audrey Hepburn che canta Moon River alla finestra in Colazione da Tiffany? (La vedete in apertura)

Noi di Soundsblog abbiamo scelto di selezionare le più belle colonne sonore di sempre, che abbiano avuto con i film cui sono accoppiate un legame particolare di “mutuo sostegno” per aver contribuito a far diventare le pellicole di successo e le colonne sonore veri inni epici. Siamo stati rigidi nei criteri e ne abbiamo scelti solo dieci: una prova durissima che ha scontentato noi prima di tutto… ma come si fa a far tutti felici? Aggiungeteci le vostre nei commenti!

10. Giovani, carini e disoccupati

La colonna sonora del primo film da regista di Ben Stiller è un capolavoro nostalgico della gioventù anni Novanta americana, perfetta per le storie dei quattro protagonisti. Dai The Knack di My Sharona ballata al drugstore ai Violent Femmes rivisitati da Ethan Hawke, dagli U2 struggenti fino agli Squeeze di Tempted cantata in macchina, non manca nulla per renderlo un cult vero.

My Sharona – The Knack
Spin the Bottle – Juliana Hatfield Three
Bed of Roses – The Indians
When You Come Back to Me – World Party
Going, Going, Gone – The Posies
Stay (I Missed You” – Lisa Loeb & Nine Stories
All I Want Is You – U2
Locked Out – Crowded House
Spinning Around Over You – Lenny Kravitz
I’m Nuthin’ – Ethan Hawke
Turnip Farm – Dinosaur Jr.
Revival! – Me Phi Me
Tempted – Squeeze
Baby, I Love Your Way – Big Mountain
Stay (I Missed You) (Living Room mix) – Lisa Loeb
Add It Up – Ethan Hawke (Violent Femmes cover)
Confusion – New Order
Disco Inferno – The Trammps
Give a Man a Fish – Arrested Development
Fools Like Me – Lisa Loeb

9. Singles – L’amore è un gioco

Il film di Cameron Crowe con Matt Dillon è l’esegesi del grunge anni Novanta (Nirvana esclusi) perché segue le storie d’amore di due coppie con la città di Seattle sullo sfondo. Non mancano Soundgarden, Mother Love Bone, Alice In Chains e Pearl Jam a supportare, anche con camei, l’importanza della location.

Alice in Chains – Would?
Pearl Jam – Breath
Chris Cornell – Seasons
Paul Westenberg – Dyslexic Heart
The Lovemongers – The Battle of Evermore – cover live dei Led Zeppelin
Mother Love Bone – Chloe Dancer/Crown of Thorns
Soundgarden – Birth Ritual
Pearl Jam – State of Love and Trust
Mudhoney – Overblown
Paul Westerberg – Waiting for Somebody
Jimi Hendrix – May This Be Love
Screaming Trees – Nearly Lost You
The Smashing Pumpkins – Drown

8. Footloose

Già musical di successo, Footloose deve la sua fama indubbiamente al brano di Kenny Loggings che è portante nella colonna sonora; ma non manca il contributo Eighties dell’epica Bonnie Tyler con Holding Out For a Hero, così come Hurts Like You di John Mellencamp, per un classico forse un po’ datato ma sempre attuale.

Footloose – Kenny Loggins
Let’s Hear It for the Boy
Almost Paradise (Love theme from Footloose) – Ann Wilson and Mike Reno
Holding Out for a Hero – Bonnie Tyler
Dancing In the Sheets – Shalamar
I’m Free (Heaven Helps the Man) – Kenny Loggins
Somebody’s Eyes – Karla Bonoff
The Girl Gets Around – Sammy Hagar
Never – Moving Pictures
Metal Health (Bang Your Head) – Quiet Riot
Hurts So Good – John Cougar Mellencamp
Waiting for a Girl Like You – Foreigner
Dancing In The Sheets 12″ mix – Shalamar

7. Juno

La storia della sedicenne Juno che resta incinta del compagno di scuola è costellata di brani indie che hanno contribuito al successo del film: dalla canzone strimpellata da Ellen Page e Michael Cera, passando per Cat Power, Belle & Sebastian e Sonic Youth, la colonna sonora è un vero inno all’ascolto.

All I Want Is You – Barry Louis Polisar
My Rollercoaster – Kimya Dawson
A Well Respected Man – The Kinks
(Ummm, Oh Yeah) Dearest – Buddy Holly
Up the Spout – Mateo Messina
Tire Swing – Kimya Dawson
Piazza, New York Catcher – Belle & Sebastian
Loose Lips – Kimya Dawson
Superstar – Sonic Youth
Sleep – Kimya Dawson
Expectations – Belle & Sebastian
All the Young Dudes – Mott the Hoople
So Nice So Smart – Kimya Dawson
Sea of Love – Cat Power
Tree Hugger – Kimya Dawson e Antsy Pants
I’m Sticking with You – The Velvet Underground
Anyone Else but You – The Moldy Peaches
Vampire – Antsy Pants
Anyone Else but You – Michael Cera e Ellen Page

6. Hair

Trasposizione dell’omonimo musical teatrale con qualche modifica nella scaletta dei brani, è il perfetto inno pacifista della controcultura hippie che si scagliava contro la guerra del Vietnam portata avanti dagli Stati Uniti. Non si può resistere alla potenza evocativa di brani come Let The Sunshine In o Aquarius, o I Got Life: doppio disco incredibile.

Aquarius – Ren Woods
Sodomy – Don Dacus
Donna/Hashish – Treat Williams
Colored Spade – Dorsey Wright
Manchester – John Savage
Abie Baby/Fourscore – Charlaine Woodard/Nell Carter/Trudy Perkins
I’m Black/Ain’t Got No – Don Dacus/Dorsey Wright/John Savage/Kurt Yahjian/Nell Carter/Toney Watkins/Tret Williams
Air – Annie Golden
Party Music
My Conviction – Charlotte Rae
I Got Life – Treat Williams
Frank Mills – Suzette Charles
Hair – Don Dacus/Dorsey Wright/Treat Williams
L.B.J.
Electric Blues/Old Fashioned Melody – Debi Dye/Leata Galloway/Ron Young/Victor Willis
Hare Krishna – Leata Galloway/Nell Carter/Twyla Tharp

Disco 2
Where Do I Go? – John Savage
Black Boys – Debi Dye/Ellen Foley/Jim Rosica/John Maestro/Laurie Beechman/Russell Thompkins Jr./Vincent Carrella
White Boys – Charlaine Woodard/Nell Carter/The Stylistics/Trudy Perkins
Walking In Space (My Body) – Betty Buckley/Carl Hall/Debi Dye/Howard Porter/Leata Galloway/Marilyn Winbush/Nell Carter/Randy Wilson/Salome Bay/Toney Watkins
Easy to Be Hard – Cheryl Barnes
Three-Five-Zero-Zero – Melba Moore/Ronnie Dawson
Good Morning Starshine – Beverly D’Angelo
What a Piece of Work Is Man – Alex Paez/David Lasley
Somebody To Love – Charlie Brown
Don’t Put It Down
The Flesh Failures/Let The Sunshine In – Annie Golden/Beverly D’Angelo/Cheryl Barnes/Cleavant Derricks-Carrol/Don Dacus/Dorsey Wright/John D.Robertas/John Savage/Larry Marshall/Tret Williams

5. Grease

Impossibile non nominare il musical ispirato agli anni Cinquanta con un John Travolta in gran spolvero e la fidanzatina d’America (ma era australiana) Olivia Newton-John: solo le prime note fanno venire voglia di ballare. Non si resiste alla sua potenza di buonumore, così come alle intense ballad Sandy e Hopelessly Devoted To YOu. Il potere supremo, come sempre, va a You’re The One That I Want. Tra i produttori e scrittori figura Barry Gibb dei Bee Gees.

Grease – Frankie Valli
Summer Nights – Olivia Newton-John / John Travolta / Cast
Hopelessly Devoted To You – Olivia Newton-John
You’re The One That I Want – Olivia Newton-John / John Travolta / Cast
Sandy – John Travolta
Beauty School Drop-Out – Frankie Avalon
Look At Me, I’m Sandra Dee – Stockard Channing
Greased Lightnin’ – John Travolta / Cast
It’s Raining On Prom Night – Cindy Bullens
Alone At The Drive-In Movie (strumentale)
Blue Moon – Sha-Na-Na
Rock N’ Roll Is Here To Stay – Sha-Na-Na
Those Magic Changes – Sha-Na-Na
Hound Dog – Sha-Na-Na
Born To Hand-Jive – Sha-Na-Na
Tears On My Pillow – Sha-Na-Na
Mooning – Cindy Bullens
Freddy, My Love – Cindy Bullens / Louis St. Louis
Rock N’ Roll Party Queen – Louis St. Louis
There Are Worse Things I Could Do – Stockard Channing
Look At Me, I’m Sandra Dee (Reprise) – Olivia Newton-John
We Go Together – Olivia Newton-John / John Travolta / Cast
Love Is A Many Splendored Thing (strumentale)
Grease (Reprise) – Frankie Valli

4. La Febbre del Sabato Sera

La colonna sonora disco anni Settanta per eccellenza porta la firma dei Bee Gees nella maggior parte dei brani e non poteva essere altrimenti; inotlre ci sono i migliori musicisti e gruppi di tutta la scena disco dance dell’epoca. Imbattibile la camminata di John Travolta su Stayin’ Alive, per una storia seria e disperata che beneficia della leggerezza dei brani.

Stayin’ Alive – Bee Gees
How Deep Is Your Love – Bee Gees
Night Fever – Bee Gees
More Than a Woman – Bee Gees
If I Can’t Have You – Yvonne Elliman, Paulinho Da Costa e Freddie Perren
A Fifth of Beethoven – Walter Murphy
More Than a Woman – Tavares e Paulinho Da Costa
Manhattan Skyline – David Shire con Abraham Laboriel e Lee Ritenour
Calypso Breakdown – Ralph MacDonald
Night on Disco Mountain – David Shire con Mike Baird e Lee Ritenour
Open Sesame – Kool & the Gang
Jive Talkin’ – Bee Gees
You Should Be Dancing – Bee Gees
Boogie Shoes – KC & the Sunshine Band
Salsation – David Shire con Lee Ritenour
K-Jee – MFSB
Disco Inferno – The Trammps

3. Pulp Fiction

Nel film di Quentin Tarantino che diede nuovamente linfa vitale alle colonne sonore figurano brani incredibili quali Misirlou, Girl You’ll Be A Woman Soon e If Love Is A Red Dress, così come altre chicche provenienti dal soul e dalla musica americana anni Sessanta. Non si può non associare You Never Can Tell di Chuck Berry a Uma Thurman e John Travolta che danzano. E comunque ogni film di Tarantino ha una colonna sonora che parla da sé.

Pumpkin and Honey Bunny – Tim Roth/Amanda Plummer
Misirlou – Dick Dale & his Del-Tones
Royale with Cheese – Samuel L. Jackson/John Travolta
Jungle Boogie – Kool & the Gang
Let’s Stay Together – Al Green
Bustin’ Surfboards – The Tornadoes
Lonesome Town – Ricky Nelson
Son of a Preacher Man – Dusty Springfield
Zed’s Dead, Baby – Bruce Willis/Maria de Medeiros
Bullwinkle Part II – The Centurians
Jack Rabbit Slim’s Twist Contest – Uma Thurman/John Travolta/Jerome Patrick Hoban
You Never Can Tell – Chuck Berry
Girl, You’ll Be a Woman Soon – Urge Overkill
If Love Is a Red Dress – Maria McKee
Bring Out the Gimp – Peter Greene/Duane Whitaker
Comanche – The Revels
Flowers on the Wall – The Statler Brothers
Personality Goes a Long Way – Samuel L. Jackson/John Travolta
Surf Rider – The Lively Ones
Ezekiel 25:17 – Samuel L. Jackson

2. Amadeus

La colonna sonora del film dove c’è Wolfgang Amadeus Mozart protagonista non può contenere che versioni appositamente ri-registrate delle sue opere, sinfonie e concerti più famosi, per l’occasione incisi dall’orchestra dell’Academy St. Martin In Fields di Londra con la direzione di Sir Neville Marriner, mentre il coro di Westminster Abbey è stato diretto da Simon Preston. Immancabile Der Holle Rache, l’aria della Regina della Notte dal Flauto Magico, cantata da June Anderson.

1. The Blues Brothers

La colonna sonora più bella di tutti i tempi -sì, non accettiamo discussioni in merito- si avvale di attori in stato di grazia e dei migliori musicisti blues, soul e rhythm’n’blues della scena mondiale, rivitalizzati da brani ormai passati alla storia. Innumerevoli le scene cult, da Ray Charles nel negozio di dischi ad Aretha Franklin col soul in ciabatte, fino a Cab Calloway ritrasformato in swing man per eccellenza e James Brown predicatore. Brano portante? Everybody Needs Somebody To Love.

She Caught The Katy – Jake
Peter Gunn Theme – strumentale (di Henry Mancini)
The Old Landmark – James Brown
Think – Aretha Franklin
Shake a Tail Feather – Ray Charles/Jake & Elwood
Gimme Some Lovin’ – Jake
Theme From Rawhide – Jake & Elwood
Minnie the Moocher – Cab Calloway
Everybody Needs Somebody to Love – Jake & Elwood
Sweet Home Chicago – Jake & Elwood
Jailhouse Rock – Jake