Grammy Awards 2014, il metal vince con i Metallica sul palco e i premi a Black Sabbath e Led Zeppelin

Premiata l’ ‘esperienza’ di band in giro da oltre 40 anni, ed una performance dei ‘Tallica destinata a far discutere…

E’ stata un’edizione dei Grammy Awards decisamente “metal”, quella andata in onda ieri 26 Gennaio 2014. Soundsblog l’ha seguita in diretta e ha stilato l’elenco di tutti i vincitori, ma in questo post ci soffermeremo solo sulle parti più “heavy” del galà più importante per la musica mondiale. I vincitori in queste categorie sono stati:

Metal Performance: God Is Dead?, Black Sabbath

Rock Song: Cut Me Some Slack (Dave Grohl, Paul McCartney, Krist Novoselic and Pat Smear)

Rock Album: Celebration Day, Led Zeppelin

Accanto a questo, l’attenzione di tutti è stata attirata dall’annunciata performance di One dei Metallica, che si presentano sul palco con uno special guest: il pianista cinese Lang Lang, e nonostante l’intro mostri fuoco e fiamme, l’amalgama fra i due generi non sembra perfetto, perchè gli assoli di Lang non seguono esattamente la melodia del brano, ed il pubblico esplode invece solo per le parti “metal”. Alcuni in rete hanno commentato: “Da LuLu a LangLang il passo è stato breve!” – lasciamo a voi la visione del video, per giudicare!

Apprezzabile Kirk Hammett, che indossava una maglietta in memoria di Lou Reed.

Nel finale delle premiazioni, sul palco anche una performance di Nine Inch Nails, Queens Of The Stone Age, Dave Grohl e Lindsey Buckingham.
Il mix di Trent Reznor che canta carichissimo Copy Of A lasciando poi il posto ai QOTSA ha fatto impazzire il pubblico!

Tornando alle premiazioni, forse si dovrebbe riflettere su come i premi e l’attenzione siano stati tutti rivolti verso band che hanno esperienza quarantennale, rispetto alle “nuove leve”. Certo, in competizione per la best metal performance erano solo due le band più ‘giovani’ (Killswitch Engage e Volbeat, questi ultimi tra l’altro ‘featuring’ un altro mostro sacro come King Diamond), mentre gli altri nomi erano black Sabbath, Anthrax e Dream Theater.
Il Rock Album stava messo ancora peggio, in quanto a gioventù: Led Zeppelin, Black Sabbath, David Bowie, Neil Young – solo i Queens Of The Stone Age non sono in giro da decine di lustri… e alla fine han vinto i Zeppelin.

Tutte vittorie meritate, per carità, e principalmente sono riconoscimenti alla carriera stabiliti da chi di metal e rock si occupa ben poco (il focus della cerimonia è sulla musica modernissssima, e il premio ai Sabbath è stato addirittura annunciato in un fuori-onda prima dell’inizio delle trasmissioni!).
Ma… largo ai giovani?