Simon Fuller, il manager si racconta: dalle Spice Girls a Michael Jackson

L’uomo si racconta nello speciale tv dal titolo The Fuller Picture

Simon Fuller vuota il sacco. L’ex celebre manager delle Spice Girls ha accettato di raccontarsi e di raccontare alcuni aneddoti della sua vita professionale. E’ stato l’uomo che ha affiancato la celebre girlband prima di essere…scaricato. Ebbene, le cinque ragazze speziate lo licenziarono al culmine della loro carriera.

C’è anche questo, insieme ad altri episodi che riguardano Michael Jackson ed Annie Lennox, nel documentario tv andato in onda in Inghilterra. Ecco alcune delle notizie più curiose rivelate.

1. Ha chiamato la sua famosa società “19” dopo il suo primo singolo con Paul Hardcastle nel 1985, che arrivò in testa alle classifiche di tutto il mondo ed è stata una top 20 hit negli Stati Uniti. Candidamente, ha ammesso: “Abbiamo fatto davvero tanti soldi con quella canzone”

2 . Quando ha firmato con Cathy Dennis intorno alla fine degli anni ’80 aveva immaginato di “venderla” come una sorta di burattino pop che cantava tutto ciò che le veniva detto di cantare. Con sua grande sorpresa, lei ha rifiutato e ha insistito per scrivere le sue canzoni, idea che si è rivelata migliore, alla fine. Ha scritto otto brani alla numero uno in Uk, tra cui per Kylie Minogue ‘Can’t Get You Out Of My Head’, ‘Toxic’ di Britney Spears e ‘I Kissed A Girl’ di Katy Perry.

3 . Ha firmato con Annie Lennox come artista solista nei primi anni ’90 , ma non hanno mai ufficialmente firmato un contratto. Lei ha detto: “Lui non ha bisogno di me finanziariamente. Mi permette di fare quello che voglio – non conosco nessun altro manager che lo tolleri assolutamente”

4. Sulle Spice Girls: “Ero abbastanza fiducioso con loro dall’inizio. Erano come un turbine. Il potere che avevano insieme era impressionante. Le ragazze erano più sicure e senza peli sulla lingua … queste ragazze riflettevano uno spirito che ho visto arrivare. Volevano essere il gruppo pop più grande al mondo”

5. Fuller ha spiegato che proprio la Lennox ha contribuito a plasmare le Spice Girls , dicendo a loro di definire totalmente le loro personalità per diventare veri e propri individui all’interno del gruppo.

6. Mentre l’etichetta delle Spice Girls, la Virgin ha speso $ 10-15.000.000 per la loro promozione, Fuller sostiene che la Pepsi abbia sborsato intorno ai 100 milioni dollari per la loro campagna, dando vita così all’idea che i marchi potessero pagare gli artisti per vendere i loro prodotti a livello globale.

7. Quando le Spice Girls lo licenziarono, fu dura: “La mia reazione iniziale è stata di totale shock e poi “Bene, Ok, così sia, stanno perdendo il loro miglior agente al mondo”. Egli ha anche rivelato che aveva piani per un secondo film e un terzo album che avrebbe permesso a ciascuna di loro di proseguire splendidamente con carriere soliste

8. Una delle rivelazioni più interessanti di cui Fuller ha parlato era il suo successivo progetto, S Club 7, come una sorta di continuazione delle Spice Girls , ma senza cercare di replicarlo: “S Club era questa uguaglianza di ragazzi e ragazze, molto positivo, molto edificante, ma non avevo voglia di ripetere la storia delle Spice”

9. Ha raccontato anche il suo punto di vista su Amy Winehouse: “Era così appassionata di musica. Aveva Billie Holiday come eroina… si poteva vedere che aveva veramente studiato e possedeva l’arte del canto. Lei era dolce e molto divertente…”

10. Era quasi riuscito a diventare manager di Michael Jackson durante il suo comeback con ‘This Is It’ e ha insistito che non voleva che lui andasse in tour. Ha detto: “Avevo un sacco di idee, penso in realtà ogni tanto a quello che stavo per fare con lui e sarebbe stato molto diverso da tutto quello che aveva fatto in passato e non si trattava di un tour, senza dubbio”

Via | Digital Spy